lunedì,Settembre 26 2022

Cosenza, Matosevic manda segnali a Gemmi. Serve un altro titolare?

Sono stati almeno quattro gli interventi che sono valsi un voto alto al portiere in pagella: Arnautovic e De Silvestri ne sanno qualcosa

Cosenza, Matosevic manda segnali a Gemmi. Serve un altro titolare?

Kristjan Matosevic e la Coppa Italia, una storia d’amore che prosegue da quasi 365 giorni: già un anno fa, il 13 agosto 2021, il portiere sloveno salvò i Lupi da un’imbarcata clamorosa a Firenze, quando finì “solo” 4-0 grazie ai suoi guantoni. Quest’anno, coi gradi da titolare in netta discussione e il Cosenza alla ricerca di un nuovo numero 1 dopo il no di Gori, ecco che il nativo di Capodistria si è fatto vedere nuovamente nella massima competizione nazionale come pipelet di sicuro affidamento.

Tiro al bersaglio? Quasi

Togliamo subito il dubbio: sul gol di Sansone Matosevic avrebbe potuto fare pochissimo in più. Il piazzamento forse non è perfetto, ma il pallone calciato dal fantasista felsineo si è insaccato esattamente nell’angolino basso, rendendo così vano il tuffo del 31 rossoblù. Detto ciò, sono stati almeno quattro gli interventi che sono valsi un voto alto al portiere in pagella: soprattutto Arnautovic e De Silvestri sono dovuti sbattere diverse volte contro il muro sloveno. A partire dalla prima conclusione dell’austriaco, arrivata al 17′ del primo tempo. In totale, i tiri in porta dei padroni di casa, stando ai dati dell’app Sofascore, sono stati dieci.

Matosevic c’è, serve un altro titolare al Cosenza?

Ciò che più ha stupito il Cosenza, comunque, è l’incredibile sicurezza che Matosevic sembra aver acquisito sulle uscite, sia basse (vedi quella nel primo tempo che ha momentaneamente evitato l’1-0) sia alte: in particolar modo sui traversoni, spauracchio nello scorso campionato, il portiere è apparso sicuro, bloccandone un paio a opera di Lykogiannis che sembravano tesi e ben effettuati. Insomma, Matosevic ha lanciato un messaggio a Gemmi e Dionigi: se vi serve un portiere, ci sono qui io.