venerdì,Giugno 14 2024

Calciomercato invernale 2023, le date di inizio e chiusura. Le regole sui prestiti

Ci sarà tempo fino al 31 gennaio, presumibilmente alle 20, per acquistare o cedere un calciatore. Il nuovo regolamento sui prestiti e i rapporti tra i club è in vigore da luglio

Calciomercato invernale 2023, le date di inizio e chiusura. Le regole sui prestiti

Chiuso il girone di andata della Serie B 2022/2023 con inattesi colpi di scena e conferme, il prossimo passo, come di consueto, è la sessione di calciomercato invernale 2022. Decisamente più contenuta rispetto a quella estiva, in virtù di meno tempo a disposizione e con un torneo da aggiustare o da consacrare, la finestra di inizio anno sarà nelle mente di società, giocatori e tifosi per poco più di quattro settimane.

Il calciomercato invernale 2023 si svolgerà al netto dell’esito dei Mondiali, che l’Argentina ha vinto grazie alle mie di Lionel Messi. All’orizzonte, inoltre, non ci sono Europei o altre grandi competizioni, che spesso condizionano trattative, acquisti e cessioni come la Coppa d’Africa. Per un mese intero, insomma, voci, affari ufficiali e possibilità di colpi epocali nella nuova sessione del mercato, in Italia e all’estero. Alcuni giorni, però, vedranno calciomercato e Serie B entrambi protagonisti.

Calciomercato invernale 2023, la data di inizio

Il calciomercato invernale in Serie A, B e C inizierà oggi lunedì 2 gennaio 2023. Da questa data le squadre italiane potranno depositare i contratti presso la Lega Calcio per il secondo semestre del campionato 2022/2023 con scadenza almeno 30 giugno.

La data di chiusura del Calciomercato invernale 2023

Martedì 31 gennaio è il giorno fissato anche da Inghilterra, Germani, Spagna e Francia quale data finale del calciomercato invernale 2023. Il gong di solito alle 20 (orario non ancora confermato) per gli ultimi acquisti in vista dell’annata 2022/2023 di Serie A, B e C. All’estero, tuttavia, potrebbe variare.

Nuove regole sui prestiti

Nuove regole per quanto riguarda i prestiti di tesserati tra club sono come noto in vigore già dal 1° luglio 2022. All’ultimo Consiglio FIFA, il primo in presenza dal 2019, sono state stabilite le nuove regole per gli scambi tra club che verranno poi ratificate dal Congresso FIFA. Si parla di prestiti e da luglio una singola squadra non potrà prestare più di 8 giocatori verso un altro club, così come una squadra non potrà acquistare più di 8 giocatori con la formula del prestito per la stagione che verrà. Misura che dovrebbe promuovere lo sviluppo dei giocatori dei vivai di una singola società e che è destinata a ridurre il numero di prestiti fino alla stagione 2024-2025. 

  • Numero massimo di prestiti per la stagione 2022-2023: 8
  • Numero massimo di prestiti per la stagione 2023-2024: 7
  • Numero massimo di prestiti dalla stagione 2024-2025: 6

Il numero massimo di operazioni tra club

Tra le altre modifiche strutturali già adottate per il calciomercato estivo 2022, ci sono anche quella riguardante la durata massima di un prestito e il numero di operazioni consentite tra due club. Non sarà più valido il prestito biennale, per esempio, dato che la durata di un singolo prestito sarà di massimo un anno. Tetto anche per le operazione tra due club. Una squadra potrà prestare all’altra un massimo di 3 giocatori e non sarà permesso il sub-prestito di giocatori ad un terzo club.

Articoli correlati