Tutte 728×90
Tutte 728×90

Viareggio-Cosenza: le pagelle

Buona prova della difesa a tre con Raimondi provvidenziale. A centrocampo prova maiuscola di De Rose. Fiore detta i tempi del gioco ed in avanti sciupano troppo Biancolino e Mazzeo.

derose

De Rose, gol e prestazione da incorniciare

Un altro pareggio (il settimo in quindici gare, il terzo nelle ultime quattro) per un Cosenza che non sembra più riuscire a vincere. Da Viareggio, però, ritorna di sicuro un Cosenza diverso rispetto alla gara drammatica di sette giorni fa contro il Siracusa. Il nuovo modulo disegnato da Somma, il 3-5-2, è di sicuro più consono ad una rosa che ha faticato e non poco con il 4-2-3-1. La difesa a tre ha funzionato con Raimondi sugli scudi ed un Wagner lieta sorpresa dopo le buone prove contro Siracusa e Foggia. A centrocampo da sottolineare la prova, al di là del gol, di Francesco De Rose che, quando non indossa la fascia di capitano, sembra avere quel quid in più. In avanti prova opaca di Mazzeo e Biancolino che hanno sciupato troppo. Sfortunato, invece, Fiore che a causa del montante non ha potuto festeggiare il ritorno al gol dopo il rientro in campo.

 

DE LUCA: voto 5,5. Non corre mai grossi pericoli. Castiglia lo beffa da trenta metri. In questa circosdtanza poteva mostrarsi più reattivo.
WAGNER: voto 6. Un gigante. Di testa le prende solo lui. Quando ha il pallone tra i piedi prova sempre la soluzione più semplice. Una gara di sicuro positiva per uno che è alla sua seconda apparizione in campionato.
RAIMONDI: voto 7. Prova maiuscola. Dalle sue parti non si possa. Provvidenziale su una conclusione a colpo sicuro di Taormina. Il suo intervento sulla linea di porta evita il peggio.
DI BARI: voto 6. Gioca una buon agara andando quasi sempre a raddioppiare e dare una mano ai compagni di reparto.
BERNARDI: voto 6. Ritorna in campo e dimostra che ancora la condizione non è al top. Nel primo tempo qualche sgroppata sulla fascia di sua competenza mette in difficoltà il Viareggio. Nella ripresa la benzina finisce e giustamente Somma lo sostituisce.

DE ROSE: voto 8. Trova il gol ed un prestazione da incorniciare. E’ il vero trascinatore del Cosenza insieme al capitano Fiore.
S. FIORE: voto 6,5. La sua classe non si discute. Supportato da Roselli e De Rose riesce a fare gioco facendo girare in maniera quasi perfetta la squadra. Nel finale è poco fortunato quando, a portiere battutto, la sfera va ad incocciare sul palo.
ROSELLI: voto 6,5. In mezzo al campo sfodera una prestazione tutto cuore. Prova ad inserirsi in qualche azione offensiva ma non è il suo pezzo forte.
GIACOMINI: voto 5,5. Gioca una gara accorta inizialmente. In alcune circostanze prova a spingere sull’acceleratore ma non sempre è preciso. Clamorosa la palla gol sprecata nella ripresa. Poteva valere tre punti.
MAZZEO: voto 5,5. Duetta con Biancolino ma quando è questione di mettere la zampata vincente è sempre in ritardo.

BIANCOLINO: voto 5,5. Il pitone viene servito molto di più con un modelo che prevede un centrocampo folto ed una seconda punta, Mazzeo, al suo fianco. Peccato che gli manchi la stoccata decisiva sotto porta.

ALL. SOMMA: voto 6. Il 3-5-2 è un modulo più consono alla rosa che il tecnico laziale ha a disposizione. Il Cosenza gioca bene e sciupa tanto. Di sicuro sono due punti persi e non un punto guadagnato.

 

Subentrati

MATTEINI: voto 6. Entra subito in partita mostrando un’ottima dinamicità. I suo cross sono un pericoloso per la difesa toscana anche se i suoi compagni non riescono ad approfittarne.

OLIVIERI: voto SV. Troppo poco in campo per essere giudicato.
A. FIORE: voto SV. Troppo poco in campo per essere giudicato.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it