Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallavolo, Cosenza attesa dal derby con la Fusion Lamezia

Pallavolo, Cosenza attesa dal derby con la Fusion Lamezia

Dopo il turno di sosta osservato dagli uomini di coach Marano, i rossoblù attendono domenica al Palaferraro i cugini biancoverdi. Si va verso la conferma del sestetto titolare.
pallavolo squadra cosenzaLa squadra rossoblù schierata sul parquet del Palaferraro (As Pallavolo Cosenza)
Va in scena il derby tutto calabrese al “PalaFerraro” di Cosenza dopo il turno di riposo (o per meglio definirla “sosta forzata”) di domenica scorsa, atteso il ritiro dal campionato del Casarano: la DeSetaCasa Conad Vena Cosenza affronta la Fusion Volley Lamezia per la terza giornata di regular season del campionato di serie B1 maschile. Nonostante i grossi punti interrogativi inerenti la partecipazione al torneo e le notorie difficoltà affrontate in pre-season, il Lamezia ha garantito la sua partecipazione disputando un campionato dignitoso. Ad ogni modo, un derby è sempre un derby, assume un significato particolare e tutte le disamine razionali come le lacune tecniche vengono meno per assurgere a variabili imprevedibili. Vincerà chi avrà più fame di portare a casa non solo i tre punti in palio ma anche il vanto di aver conquistato un match che assume i caratteri di una battaglia giocata con il coltello fra i denti. Marano dovrebbe confermare il sestetto iniziale proprosto sin d’ora: diagonale composta da Illuzzi in cabina di regia e Di Fino opposto; Smiriglia e Testagrossa al centro; Lotito ed uno tra Astarita e Garofalo di banda a martellare la difesa lametina; De Marco libero, con tutti gli altri prontissimi a subentrare alla bisogna. Assente ancora, il solo, Spadafora per  un infortunio patito nell’amichevole contro Corigliano.
L’AVVERSARIO. La Fusion Volley Lamezia è una società che ha vissuto dei momenti abbastanza convulsi all’inizio di questa stagione. La sua partecipazione al campionato è stata in bilico sino all’ultimo minuto. Partita con delle ambizioni importanti sfoggiate direttamente dal suo giovane patron Rutigliano, una volta acquisito il titolo da Gaeta, la dirigenza lametina aveva assestato dei colpi importanti : Piccioni,Muccio,Laterza, Turano ed infine chiusura con il botto per l’ufficializzazione dell’ex nazionale Biribanti. Ma qualcosa non è andato per il verso giusto: il giovane presidente ha abbandonato tutto e tutti per l’eccessivo onere economico. Atteso ciò, i giocatori si sono ritrovati senza certezze e con grossi interrogativi sul futuro, tant’è che Biribanti e Muccio hanno lasciato la squadra accasandosi altrove. Il resto è cronaca odierna. Nonostante tali difficoltà , nelle ultime due gare la Fusion ha perso in trasferta contro Trapani (ma conquistando un set e con 7 uomini contati, ndr) e vinto al tie-break nell’ultimo turno casalingo contro Martina. Una formazione comunque esperta affidata nelle mani sapienti di coach Rigano. Un roster che i ragazzi di Marano conoscono bene e che nasconde parecchie insidie tattiche da non sottovalutare. Formazione obbligata atteso l’esiguità del roster. Tuttavia, nell’ultima gara giocata coach Rigano ha proposto un sestetto diverso con alcune variazioni rispetto alla prima (in cui aveva schierato Cimino opposto e lo stesso Rigano al centro) e dovrebbe far riconfermare Laterza al palleggio in diagonale con Capra ; Piccioni e Bisci laterali; Cuccaro e Cimino al centro; Davoli libero.

Related posts