Tutte 728×90
Tutte 728×90

San Marco Argentano, contrada Prato brucia da oltre 12 ore

San Marco Argentano, contrada Prato brucia da oltre 12 ore

Mentre la Calabria brucia, e i vigili del fuoco non riescono a soddisfare le richieste di intervento dei cittadini, la politica si interroga se sia stato giusto sopprimere il Corpo Forestale dello Stato. La risposta è semplice: è stato un errore. Sia per la capacità degli attuali carabinieri Forestale di poter agire con determinati mezzi sia perché il piano antincendio non funziona. 

Se ne sono accorti i cittadini di San Marco Argentano, più precisamente gli abitanti di contrada Prato, che da stanotte chiedono l’intervento dei pompieri per spegnere un vasto incendio che ha interessato tutta la zona. Le fiamme hanno devastato tutta l’agricoltura della zona e rischiano di arrivare alle stalle in cui sono presenti tantissimi animali.

L’appello corre sul web: su Facebook Antonio Parise, uno dei giovani più impegnati nel mondo dell’associazionismo, ha postato alcune foto che dimostrano come l’incendio sia serio e soprattutto pericoloso per la sicurezza dei residenti. Una pattuglia della Protezione civile questa mattina ha potuto far ben poco per spegnere le fiamme che continuano a distruggere tutto ciò che si trovano davanti. Insomma la situazione è drammatica. In tutto ciò, si legge dai commenti su Facebook, il 115 è in tilt. Da ieri infatti i vigili del fuoco di tutta la provincia di Cosenza sono impegnati a spegnere incendi dal Pollino al Tirreno.

Tuttavia, le fiamme che da oltre 12 ore mettono in apprensione tutta la comunità di San Marco Argentano, rischiano di arrivare anche in altri comuni limitrofi. (a. a.)

Related posts