martedì,Giugno 28 2022

Carpi-Cosenza: le pagelle

Ecco le pagelle di Antonio Clausi dopo il match del Cosenza con il Capri disputato allo stadio Cabassi e valido per la settima giornata del campinoato di Serie B. [nextpage title=”SARACCO” ] SARACCO: VOTO 5 La pioggia non è mai un’alleata per i portieri. Sulla rasoiata di Pasciuti c’è, sulla sforbiciata di Arrighini un po’ meno ma si

Carpi-Cosenza: le pagelle

Ecco le pagelle di Antonio Clausi dopo il match del Cosenza con il Capri disputato allo stadio Cabassi e valido per la settima giornata del campinoato di Serie B.

[nextpage title=”SARACCO” ]

SARACCO: VOTO 5 La pioggia non è mai un’alleata per i portieri. Sulla rasoiata di Pasciuti c’è, sulla sforbiciata di Arrighini un po’ meno ma si arrangia. Nella ripresa le colpe del vantaggio del Carpi ricadono su di lui perché non trattiene il destro di Jelenic.

 

 

[/nextpage]

[nextpage title=”CORSI” ]

 

CORSI: VOTO 5.5 Pochi spunti in una gara giocata, almeno nel primo tempo, bene dai suoi compagni. Lui e Verna formano la catena con meno qualità delle due e funzionale, chiaramente, a dare equilibrio al collettivo.

 

 

[/nextpage]

[nextpage title=”D’ORAZIO” ]

 

D’ORAZIO: VOTO 7 Bella una sua punizione nel primo tempo che trova Colombi ad impedirgli il gol. In fase di non possesso dà vita ad un bel duello con Jelenic da cui esce vincitore. E’ una spina nel fianco del Carpi, di certo il migliore tra le fila del Cosenza.

 

 

[/nextpage]

[nextpage title=”BRUCCINI” ]

 

BRUCCINI: VOTO 6 Quando gioca a protezione della retroguardia non può dar saggio delle sue migliori qualità e resta distante. Si vede maggiormente quando il Cosenza, sotto di una rete, va all’assalto del pareggio. Ha perfino il pallone del 2-1, ma calcia alle stelle.

 

[/nextpage]

[nextpage title=”DERMAKU” ]

 

 

DERMAKU: VOTO 6 Fa una faticaccia a tenere a bada il gigante Mokulu, con cui va viso a viso in occasione dell’ammonizione, e il dinamico Arrighini. Se la cava con l’aiuto del fisico e delle qualità che gli sono valse la convocazione della nazionale albanese.

[/nextpage]

[nextpage title=”IDDA” ]

 

 

 

IDDA: VOTO 6 Gli dà più fastidio Arrighini (che lo fa ammonire) che Mokulu. Sfortunato nel secondo tempo quando una zuccata su occasione di angolo viene deviata in corner da Colombi. Il giallo beccato nel primo tempo non lo condiziona.

 

 

[/nextpage]

[nextpage title=”GARRITANO” ]

 

GARRITANO: VOTO 6 E’ il più impreciso del centrocampo. Commette degli errori in fase di appoggio, ma più in generale il Carpi nel primo tempo trova corridoi interessanti partendo dalla sua zona di competenza. Gli spunti che i fan dei Lupi si aspettano dal suo piede arrivano soltanto sotto di una rete.

 

[/nextpage]

[nextpage title=”VERNA” ]

 

 


VERNA: VOTO 5.5 Rispetto alle ultime apparizioni sembra più a suo agio nel centrocampo del Cosenza, contrasta e si propone in avanti spingendosi fin sulla linea degli attaccanti quando il contesto del match lo permette. Nella ripresa cala di intensità e lascia il posto a Baez.

 

[/nextpage]

[nextpage title=”MUNGO” ]

 

MUNGO: VOTO 6.5 Assist da vero numero 10 sprecato da Di Piazza, bei duetti sulla trequarti e gli spunti che Braglia vuole: prestazione positiva. La dea bendata non lo aiuta quando un rasoterra finisce ad un millimetro dal palo alla destra di Colombi.

 

[/nextpage]

 

[nextpage title=”MANIERO” ]

 

MANIERO: VOTO 5 Dalla panchina gli arrivano dettami chiari: andare incontro alla palla e favorire gli inserimenti di chi arriva a rimorchio. Fa la guerra e non si risparmia, ma le conclusioni dove sono?

 

[/nextpage]

[nextpage title=”DI PIAZZA” ]

 

 

DI PIAZZA: VOTO 5 Deve fiondarsi nello spazio: il cambio modulo è finalizzato proprio ad avere qualcuno che attacchi la profondità. Lo fa bene al 20′, ma si mangia un gol facile-facile. Non fa molto altro fin quando viene sostituito da Tutino nel secondo tempo.

 

[/nextpage]

[nextpage title=”BRAGLIA” ]

 

 

BRAGLIA: VOTO 6.5 Rompe gli indugi e cambia modulo passando al 4-3-1-2: l’idea è di garantire maggiore presenza nell’area avversaria. Quando si attacca, infatti, ci sono 5 uomini a spingersi in attacco. Incassato il gol passa al 4-2-3-1 e trova il gol del pari grazie ad un uomo subentrato dalla panchina. Grande prova di carattere dei suoi calciatori.

 

[/nextpage]

[nextpage title=”SUBENTRATI” ]

 

 

TUTINO: VOTO 6 Fischiato dai tifosi di casa che non hanno dimenticato la telenovela dell’estate. Prova a saltare l’uomo e a calciare verso Colombi.
BACLET: VOTO 6 Fa il suo esordio in Serie B con la maglia rossoblù ritornando a distanza di anni a giocare tra i cadetti.
BAEZ: VOTO 6.5 Dal suo destro nasce il pareggio del Cosenza: di più non poteva chiedere.

[/nextpage]

Articoli correlati