AttualitàCronaca

Cetraro: al via progetto PON del liceo “Lopiano”

«Attraverso la conoscenza della città antica, della storia di Cetraro potrete conoscere la vostra storia, ma soprattutto il vostro futuro».

Luigi Orsino, presidente della Coop Caster ente gestore del Museo Civico parla del progetto PON “Competenze e ambienti per l’apprendimento” per l’alternanza scuola-lavoro promosso dall’istituto di Istruzione Superiore “Silvio Lopiano”.

Illustrato lo scorso 28 maggio nella sala mostre di Palazzo del Trono il percorso didattico di apprendimento alla conoscenza del patrimonio culturale del centro storico del comune dell’alto Tirreno. «Dopo il primo modulo – prosegue lo storico dell’arte – che ha permesso agli studenti di apprendere elementi di conservazione preventiva anche attraverso la riproduzione di reperti, passeremo alla fase più propriamente documentale con la conoscenza della parte architettonica del borgo antico. Sarà un lavoro inedito che verrà raccolto in un catalogo che presenteremo alla fine di questo percorso».

La storia di Cetraro

All’incontro, moderato dalla giornalista Simona De Maria, ha partecipato il tutor del progetto Ciro Visca, docente di scienze naturali che ha dichiarato: «Il progetto, promosso dal nostro liceo e che coinvolge le studentesse e gli studenti delle terze classi, consente alle giovanissime generazioni di apprendere la storia di Cetraro. Sarà momento di arricchimento culturale che gli consentirà di approfondire tematiche poco conosciute».

Emilia D’Andrea, co-tutor del percorso didattico, ha poi aggiunto: «Il percorso di alternanza scuola-lavoro è approccio fondamentale per voi ragazzi: vi serve per comprendere chi siete, ma soprattutto quale iter vorrete intraprendere una volta finiti i vostri studi». La docente ha poi illustrato le varie fasi del progetto che verterà sulla conoscenza diretta attraverso il rilievo, la ricerca storica dei portali, delle porte, degli archi e degli architravi del centro storico di Cetraro.

Le parole di Dodaro

Infine l’ingegnere Francesco Dodaro, responsabile della area Educazione e Ricerca della Soprintendenza Abap per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone partner del progetto, ha tenuto una lectio sulla tutela e conservazione del patrimonio culturale: «E’ impensabile oggi conoscere la storia degli egizi e non quella dei brettii nonostante il contesto territoriale d’appartenenza. Tale percorso didattico va proprio in questa direzione: bisogna conoscere per riconoscere».

«La parte architettonica di questo progetto è il biglietto da visita della storia della città. Realizzeremo un rilievo fotografico per redigere il primo catalogo che sarà arricchito con la ricerca di fonti storiche e orali. Investire in cultura – conclude Dodaro – è il nostro, ma soprattutto il vostro futuro: un futuro su cui sviluppare economia e turismo del territorio». Appuntamento, dunque, al 12 giugno a Palazzo del Trono quando saranno presentati i risultati del lavoro di ricerca.

Tags
Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina