domenica,Marzo 3 2024

Cosenza, nuovo presidio sanitario a Via degli Stadi. Immobile all’Asp per 5 milioni

Oltre alla centrale operativa del 118, vi saranno allocate anche altre attività, quali il Centro di formazione provinciale per i servizi di emergenza urgenza, la Centrale PET 118. Inoltre ospiterà il District Recovery regionale, l'ufficio ausili e protesi, il distaccamento sanitario Cosenza-Savuto e la dialisi territoriale 

Cosenza, nuovo presidio sanitario a Via degli Stadi.  Immobile all’Asp per 5 milioni

Nasce il presidio sanitario di via degli Stadi. Il Consiglio comunale presieduto da Giuseppe Mazzuca e riunitosi ieri nella sala delle adunanze di Palazzo dei Bruzi, ha approvato lo schema preliminare di compravendita, all’Azienda Sanitaria Provinciale, del compendio immobiliare di via degli Stadi,140, che ospitava l’ex Scuola Elementare del VI Circolo e che è stata in passato sede di vari uffici comunali e di associazioni di volontariato. Il costo dell’operazione è stato di circa 5 milioni. Lo schema preliminare di compravendita all’Asp dell’unità immobiliare di via degli Stadi è stato approvato con 20 voti a favore e l’astensione di cinque consiglieri di minoranza (Francesco Spadafora, Ivana Lucanto, Michelangelo Spataro, Francesco Caruso e Alfredo Dodaro).

«Con l’approvazione in Consiglio comunale dello schema preliminare di compravendita all’Azienda Sanitaria Provinciale dell’unità immobiliare di via degli Stadi va avanti la strategia di riqualificazione delle periferie della città, non solo sotto l’aspetto urbanistico, ma portando in un’area particolare della città importanti servizi come quelli volti alla tutela della salute dei cittadini. Questo consentirà, nell’ambito dell’area interessata, di mettere in campo una nuova narrazione della città che si apra alle periferie». Lo ha detto il sindaco Franz Caruso chiudendo la serie degli interventi della seduta odierna del Consiglio comunale nel corso della quale si è dato il via libera proprio alla cessione dell’immobile comunale di via degli Stadi all’ASP, in esecuzione del protocollo d’intesa sottoscritto per la promozione e lo sviluppo di sinergie finalizzate al miglioramento della rete dei servizi socio-sanitari.

Oltre alla centrale operativa del 118, nell’immobile che il Comune ha ceduto all’ASP saranno allocate anche altre attività, quali il Centro di formazione provinciale per i servizi di emergenza urgenza, la Centrale PET 118 con la relativa logistica, e numerosi altri servizi complementari e di sanità territoriale. Il compendio immobiliare ceduto all’ASP ospiterà, inoltre, il District Recovery regionale,l’ufficio ausili e protesi, il distaccamento sanitario Cosenza-Savuto e la dialisi territoriale. «Credo che questo importante risultato – ha detto Franz Caruso – vada ascritto a merito di tutto il Consiglio comunale, non solo perché è stato conseguito dalla città di Cosenza, ma perché se ne avvantaggerà, oltre a tutta la nostra cittadinanza, anche una vasta area metropolitana e tutto il  territorio provinciale».

Il Sindaco, ha, infine, insistito sul dato della concretezza dell’opera«che non è propagandistica, ma rappresenta un fatto concreto che porta alla città un servizio indispensabile, punto di riferimento insostituibile per l’emergenza,  perché – ha aggiunto – il  118 è qui a Cosenza, in via degli Stadi, in un’area che sarà destinata ad essere riqualificata non solo dal punto di vista socio-sanitario, ma anche sportivo, perché su quell’area sono previsti interventi futuri anche sull’impiantistica sportiva, grazie allo sviluppo della cittadella dello sport. Grazie a questa sinergia che abbiamo creato con l’ASP di Cosenza – realizzeremo a breve un altro presidio sanitario importante che è quello della Casa della salute a via Bendicenti. Questi interventi sono la plastica dimostrazione di quanto sia importante la sinergia tra istituzioni per garantire ai nostri cittadini quel diritto alla salute che spesso è loro negato».

«Concretizzare il passaggio a titolo oneroso dall’Amministrazione comunale all’Azienda Ospedaliera dell’immobile dell’ex Scuola Elementare di Via degli Stadi – ha detto il consigliere Antonello Costanzo – non riguarda solo l’aspetto economico, ma è soprattutto un’azione politica di sviluppo per l’intera area di Via degli Stadi e San Vito che si aggiunge ai notevoli investimenti che questa Amministrazione ha già avviato considerando tali zone della città parte integrante della stessa. Dobbiamo smettere – ha aggiunto ancora il consigliere delegato al Patrimonio – di costruire periferie. Ormai le nostre città sono piene di questi luoghi dove il centro non è più centro e la campagna non è ancora campagna. Invece di continuare ad espanderli così, dobbiamo intensificare i nostri centri urbani, fecondando e fertilizzando le periferie. Ovunque ci sono grandi buchi neri da recuperare e trasformare, in modo che questi sobborghi diventino luoghi di civiltà, e non solo posti dove si va a dormire».

 

Articoli correlati