venerdì,Maggio 24 2024

Cosenza-Catanzaro, prosegue il lavoro di indagine: decine di identificazioni in corso

Sul tavolo, da parte dell'Osservatorio, anche l'ipotesi del divieto per le trasferte e la chiusura della Curva Capraro. L'indagine coordinata dalle due Procure produrrà a lunga gittata una raffica di Daspo

Cosenza-Catanzaro, prosegue il lavoro di indagine: decine di identificazioni in corso

Cosenza-Catanzaro non è finita ieri sera con l’arresto di 8 ultras giallorossi (sono ai domiciliari, ndr) a margine di un’indagine che riguardava 12 persone. Per tutti scatterà il Daspo, ma non saranno i soli a ricevere il provvedimento amministrativo. Dalle notizie che trapelano, la seconda parte dell’indagine coordinata dalle due Procure è volta all’identificazione di tutti coloro che hanno in qualche modo turbato la serenità della domenica.

Sia all’interno dello stadio San Vito-Gigi Marulla con un fitto lancio di oggetti da settore a settore, sia lungo il tragitto che conduceva dallo svincolo dell’A2 all’impianto sportivo i supporter ospiti, sia nell’area dove sorge il McDonald’s di Rende teatro della guerriglia urbana. Si parla di diverse decine di sostenitori, sia di fede rossoblù che giallorossa, per i quali scatteranno i divieti ad accedere alle manifestazioni sportive e le conseguenti denunce. Non ci sono tempi prestabiliti: i provvedimenti potranno essere notificati anche nei prossimi mesi.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SU LACNEWS24.IT

Articoli correlati