domenica,Maggio 19 2024

Mendicino, partecipato incontro tra la candidata a sindaco Bucarelli e i giovani

Il convegno, a cui ha partecipato anche il vicepresidente del consiglio regionale Caputo, è stato organizzato dai gruppo locale di Forza Italia

Mendicino, partecipato incontro tra la candidata a sindaco Bucarelli e i giovani

Giovani che si mettono in gioco e che si ergono a protagonisti della vita sociale, per essere artefici di cambiamenti in grado di migliorare il territorio in cui vivono e la propria comunità: è questo il messaggio che è stato lanciato nella  serata di ieri, dal Teatro comunale di Mendicino, nel corso del convegno organizzato dal locale gruppo giovanile di Forza Italia.

Oltre ad Irma Bucarelli, candidata a sindaco e già assessore del Comune che ha introdotto i lavori, hanno preso parte all’incontro Antonio Iaconianni, dirigente scolastico emerito del Liceo Classico “B. Telesio” di Cosenza, l’avvocato amministrativista Dario Sammarro; il dottore Serafino Madeo, specializzato in Diritto Civile; la coordinatrice FI Giovani Mendicino, Maria Pastore; la studentessa Universitaria, DIBEST, Chiara Palamara; il Vice Coordinatore Provinciale FI Giovani CS, Dino Farina; la Consigliera di Dipartimento, DISPES, Rossana Montaldista. Il convegno, moderato da Simone Cozza – Studente Universitario, DIMEG – è stato concluso dal Vice Presidente del Consiglio Regionale della Calabria, Pierluigi Caputo.

In una sala gremita da un pubblico attento e partecipato, l’ingegnere Irma Bucarelli ha introdotto i lavori con «un ringraziamento a questi giovani protagonisti della politica che, con il proprio impegno, stanno già cambiando il panorama politico della nostra città, scrivendo un nuovo futuro di confronto ampio e condiviso sui problemi della comunità e sulle soluzioni concrete da adottare per rispondere alle sfide che la riguardano».

Un tema, quello dell’impegno dei giovani , che è stato il leitmotiv di tutti gli interventi che si sono succeduti, con una riflessione critica sulla costruzione di “un’altra politica” capace di sostituire quella segnata dal prevalere degli interessi privati dei pochi. Si tratta di promuovere il coinvolgimento civico e politico della Generazione Z, favorendone la partecipazione alla gestione della “cosa pubblica”.

Riscoprire il valore dei giovani e restituire loro la voce, chiamandoli a fare gli attori e i protagonisti consapevoli di una politica “altra” è ciò su cui ha posto l’accento, nelle sue conclusioni, il Vice Presidente del Consiglio Regionale della Calabria Pierluigi Caputo, per il quale «occorre recuperare il rapporto fra etica e politica proprio a partire dall’impegno genuino dei nostri ragazzi».

A dispetto dei luoghi comuni imperanti, da Mendicino questi giovani ci hanno restituito la consapevolezza di una generazione consapevole e responsabile, che riconquista il senso della polis rinsaldando i legami sociali e politici che fanno grande una comunità. Un evento che non rimarrà isolato, perché si tratta del punto di partenza di un percorso di policy cittadina e la promessa è quella di un impegno sempre più ampio e coinvolgente.

Articoli correlati