Attualità

AMMINISTRATIVE 2016 | Il sogno infranto di Enzo Paolini

I numeri in politica fanno la differenza e l’avvocato rispetto al 2011 ha perso consensi sia come candidato a sindaco sia come preferenze, avendo preso il Pse quasi un punto percentuale in meno. Ma la sconfitta si allarga anche alle altre quattro liste composte da lui stesso, Sergio Nucci e Giuseppe Mazzuca. 

Aveva basato la sua campagna elettorale, puntando sulla legalità e trasparenza e annunciando – qualora fosse stato eletto sindaco di Cosenza – di far diventare Palazzo dei Bruzi un palazzo di vetro. Enzo Paolini, invece, ha dovuto far i conti con la realtà. I cosentini che nel 2011 lo avevano mandato al ballottaggio con Mario Occhiuto oggi lo hanno bocciato con un risultato che a leggerlo quasi non ci si crede. Il dato finale riporta la sua coalizione con i piedi sulla terra: 10,85% ovvero il 16,05% in meno rispetto a cinque anni fa quando non aveva dalla sua parte né Sergio Nucci (fuori dal Consiglio comunale come Roberto Sacco) né la famiglia Gentile che, nonostante sia scesa in campo a campagna elettorale in corso da oltre quindici giorni, è risultata la prima forza della coalizione e la seconda lista di minoranza. Per capire la disfatta di Paolini è necessario soffermarsi sui numeri: nel 2011 la lista Sel prese 1516 voti, oggi il Pse – che elegge Giovanni Cipparrone – si ferma a 1178. La differenza è di 338 preferenze che sommate ai restanti flop delle altre quattro liste composte da Paolini e Giuseppe Mazzuca – che a dire il vero non ha azzeccato alcun pronostico domenica sera a Ten – certificano il fallimento di un progetto politico che è secondo solo a quello del Pd. Cosa non ha funzionato? Le sue proposte per il governo cittadino non sono entrate nei quartieri popolari, desiderosi di invertire la rotta dopo cinque anni passati – a dire di Paolini e Guccione – tra sofferenze e problemi irrisolti. E le sue idee non sono arrivate, forse, ai lavoratori delle cooperative sociali o almeno solo ad una parte di essi. Paolini non ha trascinato la coalizione, visto che rispetto alle liste ha preso lo 0,81% in meno. Qualora dovesse rinunciare al seggio di consigliere comunale per far entrare Massimo Lo Gullo (Cosenza Popolare), chiuderebbe senza alcun sussulto un percorso politico che in cinque anni avrebbe dovuto portarlo a diventare sindaco di Cosenza ed invece lo relega ancora una volta tra i banchi dell’opposizione. Un sogno infranto, targato ancora Mario Occhiuto. (a. a.)

Tags
Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina