Tutte 728×90
Tutte 728×90

Padova-Rende 2-1: gli highlights del match. Trocini: «Ho avuto le giuste risposte»

Padova-Rende 2-1: gli highlights del match. Trocini: «Ho avuto le giuste risposte»

Ecco le azioni salienti e i gol del match dell’Euganeo. Il tecnico Trocini: «C’è da dire che alcune decisioni non sono state a nostro favore: c’era un’espulsione clamorosa per un fallaccio su Laaribi».

Il Rende ha sfiorato l’impresa nella prima uscita stagionale. I biancorossi, impegnati ieri all'”Euganeo” di Padova per la prima fase eliminatoria della Coppa Italia Tim, hanno condotto la truppa del tecnico Bisoli fin oltre i tempi regolamentari (gli highlights sono tratti dal TgBiancoscudato di Telenuovo). Nonostante la rete padovana, arrivata dopo 3 minuti con Mercandella, gli uomini di Trocini hanno osato senza pensare alla superiorità tecnica del Padova. Macinando gioco e metri, sono giunti al pareggio con la rete di Actis Goretta su rigore. Poi, però, i padroni di casa hanno riportato la partita sui propri binari.

Brunello Trocini, ha avuto modo di ricevere le primissime risposte dalla squadra che molto probabilmente (si saprà il 4 agosto) disputerà il campionato di Serie C. «Abbiamo avuto le risposte che ci aspettavamo – spiega il trainer rendese – La squadra è entrata in campo mostrando grande equilibrio che è la prima cosa che andavo a cercare in questo inizio di stagione. Contro una formazione tecnicamente più forte, però, siamo stati all’altezza della situazione. C’è da dire che alcune decisioni non sono state a nostro favore: c’era un’espulsione clamorosa per un fallaccio su Laaribi. Dunque, potevamo giocare la partita in superiorità numerica».

Sicuramente le compagini sono nella classica forma del calcio d’estate, dove è prematuro fare sentenze finali, però, è importante al fine di visionare la tenuta fisica del gruppo. «Chi mi ha impressionato di più? Nessuno – afferma Trocini – perché sapevamo di avere ragazzi che potevano essere all’altezza. Dunque, non sono stato sorpreso da nessuno. Ogni ragazzo preso, è un calciatore che può disputare il campionato di Serie C. La cosa che mi sorprende, invece, piacevolmente è il gruppo che s’è venuto a creare. Senza prime donne. E’ un fattore che fa ben sperare».

Ricciardo è partito dalla panchina per poi entrare a match in corso, a livello fisico come sta il calciatore? «Ha giocato una buona ventina di minuti ieri contro il Padova dopo cinque giorni di ritiro. E’ indietro rispetto agli altri, ma non è un problema – rassicura Trocini – Il campionato inizia il 27 agosto e sicuramente arriverà al pari degli altri». Oltre all’attaccante citato, l’ultimo colpo del Rende è stato il portiere Francesco Forte. Ieri ha giocato De Brasi: «Noi abbiamo preso Forte perché volevamo un portiere che avesse già giocato in Serie C – aggiunge Trocini – Sicuramente Francesco è un calciatore importante e sarà lui il titolare. Allo stesso modo siamo consci del potenziale di De Brasi».

Capitolo difesa e centrocampo: «Pambianchi è un calciatore con personalità e qualità. Sicuramente è un elemento di grande affidabilità per la categoria. Siamo felici per Francesco, ma anche per tutti i calciatori nuovi. Per il centrocampo stesso discorso. Aspettiamo Stefano Franco, ancora indietro con la preparazione. I nuovi come Laaribi, Rossini sono bravissimi». Infine, contro il Padova è stata forse, dopo anni, il primo impegno contro una squadra di un certo livello: “Nel 2015 giocammo a Ferrara contro la Spal. Tuttavia, la squadra l’ha vissuta in modo normale. Il Rende aspetta la Serie C, non eravamo un compagine di Prima categoria che andava a giocare in Serie A. Siamo certamente emozionati ed onorati, ma al tempo stesso consci che queste sono partite che dovremmo disputare a breve. Dunque, con personalità, orgoglio e voglia di fare bene». Il punto sul mercato: «Manca ancora qualche innesto – chiarisce Trocini – e breve vedremo di fare qualcosina, anche se abbiamo acquistato già calciatori di un certo spessore come Ricciardo e Forte. Non c’è fretta, quindi». (Giulio Cava)

Related posts