lunedì,Agosto 15 2022

Omicidio di mafia a Cosenza, Anna Palmieri scagiona il killer del padre

Un omicidio di mafia avvenuto a Cosenza nel 1985 potrebbe tornare d’attualità nelle aule di giustizia. Parliamo dell’assassinio di Sergio Palmieri, ucciso in piazza Kennedy il 27 novembre del 1985. Secondo la giustizia italiana, il colpevole è Francesco Masala, condannato in via definitiva a 14 anni di carcere. Pena già scontata e vita completamente cambiata.

Omicidio di mafia a Cosenza, Anna Palmieri scagiona il killer del padre

Un omicidio di mafia avvenuto a Cosenza nel 1985 potrebbe tornare d’attualità nelle aule di giustizia. Parliamo dell’assassinio di Sergio Palmieri, ucciso in piazza Kennedy il 27 novembre del 1985. Secondo la giustizia italiana, il colpevole è Francesco Masala, condannato in via definitiva a 14 anni di carcere. Pena già scontata e vita completamente cambiata. In realtà, l’omicida di Palmieri non sarebbe lui. A rivelarlo, secondo quanto pubblicato oggi dal “Quotidiano del Sud”, è la collaboratrice di giustizia Anna Palmieri, figlia della vittima, che negli anni successivi al delitto del padre, insieme ad altri familiari, aveva condotto delle “personali indagini difensive” per scoprire i motivi che avevano portato all’eliminazione del padre, un impiegato comunale. Rispetto al movente indicato dai giudici nelle sentenze, Anna Palmieri ha corretto il tiro, dandone uno diverso.

Francesco Masala, dunque, non sarebbe colui il quale sparò contro Palmieri ma gli autori dell’agguato, eseguito davanti a una folla di gente, sarebbero stati Francesco Lenti e Marcello Gigliotti, a loro volta, uccisi poco più tardi dall’allora clan di ‘ndrangheta “Pino-Sena” di Cosenza. Duplice omicidio di mafia, per il quale sono imputati, tra abbreviato e ordinario, Gianfranco Bruni, Gianfranco Ruà, Francesco Patitucci e lo stesso Franco Pino. Una verità processuale, quella del delitto di Sergio Palmieri, forse tutta da riscrivere. L’avvocato Maria Celeste Parisella, difensore di Francesco Masala, attende i possibili risvolti legati a questa vicenda giudiziaria.

Articoli correlati