giovedì,Giugno 20 2024

Cosenza, otto nuovi bandi a favore di imprese e associazioni

Promossi dalla Camera di commercio con contributi a chi punta su digital marketing, sicurezza sul lavoro e filiera agroalimentare

Cosenza, otto nuovi bandi a favore di imprese e associazioni

La Camera di Commercio di Cosenza ha dato inizio alle nuove attività in programma per il 2023 con il lancio di otto bandi a favore di imprese, professionisti e associazioni di categoria. Le domande di partecipazione, aperte dal 9 febbraio, potranno essere presentate fino alle 21 del 30 ottobre 2023. Fra le iniziative promosse, oltre ai noti interventi finalizzati al risparmio energetico e alla transizione ecologica e digitale, vi sono tre bandi alla loro prima edizione che andranno a coprire settori e attività differenti.

La prima novità riguarda il bando formazione, promozione e sviluppo del marketing digitale nel settore turismo rivolto ad attività alberghiere, agriturismi, strutture ricettive, imprese del comparto turistico e fieristico e stabilimenti balneari. L’obiettivo del bando è supportare il ricorso alle tecnologie digitali nelle azioni di promozione e marketing e nella creazione dei servizi turistici, con una dotazione complessiva di 200.000 euro. La Camera andrà a riconoscere a ciascuna impresa un contributo pari al 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di 5.000 euro. L’ente, inoltre, destinerà un contributo pari al 100% delle spese ammissibili per la formazione, fino ad un massimo di 3.000 euro.

La seconda novità è rappresentata dal bando sicurezza sui luoghi di lavoro, con un incentivo finalizzato a promuovere e qualificare la sicurezza presso le imprese di tutti i settori economici. La dotazione finanziaria complessiva destinata all’iniziativa è di 150.000 euro con un contributo pari al 50% delle spese ammissibili fino ad un massimo di 5.000 euro. Sarà inoltre riconosciuta alle imprese in possesso del rating di legalità una premialità di 250 euro.

L’ultimo bando alla prima edizione è quello relativo alla filiera agroalimentare. I destinatari dell’iniziativa sono partenariati o reti di imprese costituiti da almeno tre soggetti, mentre le risorse complessivamente stanziate ammontano a 150.000 euro. Finalità dell’incentivo è favorire l’integrazione o aggregazione delle imprese del comparto agroalimentare, siano esse produttrici primarie o trasformatrici, e della ristorazione per aumentare il valore aggiunto lungo la filiera stessa, orientare le produzioni locali di qualità e migliorare la sicurezza alimentare attraverso innovazioni di processo, di prodotto e di promo-commercializzazione. L’obiettivo è incentivare la cooperazione tra operatori per lo sviluppo di filiere agroalimentari dei prodotti a forte riconoscibilità territoriale.

Articoli correlati