lunedì,Giugno 17 2024

Altomonte, pensionati della Cultura unitevi

Nasce un'associazione nazionale che riunisce gli ex dipendenti del ministero, a presiedere il sodalizio sarà Mimmo Bloise

Altomonte, pensionati della Cultura unitevi

Da oggi, al mondo del volontariato si aggiunge una nuova vita. Nasce ad Altomonte, l’Associazione nazionale pensionati della cultura che si prefigge di associare gli ex dipendenti del ministero della Cultura. Stuoli di vigilanti, assistenti, disegnatori, geometri, restauratori, architetti, archeologi, archivisti, bibliotecari e storici d’arte che insieme ad altre professionalità, lavorando coralmente, hanno curato, salvaguardato e valorizzato i beni culturali italiani, un patrimonio che il mondo ci invidia.

Se ragioni anagrafiche e normative hanno imposto loro di lasciare il lavoro, la presa di coscienza del pericolo che corre il patrimonio culturale italiano, anche a causa dell’impoverimento che il personale di ruolo subito negli ultimi anni, da domani sono disponibili a mettere a disposizione le proprie conoscenze, sotto forma di volontariato, a favore del Patrimonio culturale anche per restituire alla collettività il bagaglio esperienziale di cui sono portatori.

A presiedere il sodalizio Mimmo Bloise, funzionario del ministero per 42 anni ed ora in pensione. Forte di un’esperienza ultradecennale nel mondo del volontariato delle Pro loco, il neopresidente, artefice del progetto associativo, sarà coadiuvato dagli altri amministratori Patrizia Barbuscio, Mira De Rango, Pino Mammone, Gloria Garofalo, Antonella Vincitore, Mimmo Visciglia.

Articoli correlati