mercoledì,Maggio 22 2024

‘Ndrangheta a Cosenza, c’è un nuovo pentito. Trema il clan degli zingari

Si tratta di Ivan Barone, già noto alle forze dell'ordine e ritenuto appartenente alla presunta cosca degli Zingari Abbruzzese Banana

‘Ndrangheta a Cosenza, c’è un nuovo pentito. Trema il clan degli zingari

La Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro ha chiuso a distanza di sette mesi le indagini sulla maxi-operazione anti ‘ndrangheta eseguita a Cosenza lo scorso primo settembre. La novità di rilievo è la collaborazione con la giustizia di Ivan Barone, già noto alle forze dell’ordine e ritenuto appartenente alla presunta Cosca degli Zingari Abbruzzese-Banana.

Leggi anche ⬇️

Barone aveva deciso di saltare il fosso dieci giorni dopo l’esecuzione della misura cautelare e, nelle settimane successive, circolava la voce del suo pentimento. Con l’avviso di conclusione delle indagini, la notizia è diventata ufficiale.

Le indagini della Dda di Catanzaro avrebbero accertato la partecipazione di Ivan Barone alla presunta attività di narcotraffico, avendo rapporti molto stretti con Marco Abbruzzese, detto lo Struzzo, e Antonio Marotta, alias “Capiceddra“. Sono i soggetti con cui sarebbero maturati alcuni discorsi sfociati in attività illecite, cristallizzate – a dire della procura antimafia di Catanzaro – da una serie di intercettazioni telefoniche e ambientali.

Leggi anche ⬇️

Il termine dei 180 giorni è stato ormai superato abbondantemente, per cui le dichiarazioni di Ivan Barone potrebbero aver avuto uno sfogo investigativo tale da avviare nuovi filoni d’indagine sempre di natura antimafia. Barone in passato era stato sfiorato dall’indagine sulla morte di Antonio Taranto ma la sua posizione è stata archiviata per insufficienza di prove rispetto all’accusa di favoreggiamento.

Articoli correlati