martedì,Luglio 23 2024

Nuovo Ospedale di Cosenza, Italia Viva: «Sulle tempistiche ha ragione Caruso»

I coordinatori cittadini Carricato e Tarantino aggiungono: «Se la dilatazione dei tempi è in qualche misura determinata dall’ubicazione di Vaglio Lise, si receda da posizioni rigide riguardo»

Nuovo Ospedale di Cosenza, Italia Viva: «Sulle tempistiche ha ragione Caruso»

Il circolo cittadino di Italia Viva, tramite i coordinatori Giueppina Carricato e Francesco Tarantino prende posizione sull’argento del giorno: il nuovo ospedale di Cosenza. Le argomentazioni portate avanti dagli esponenti renziani si articolano in due punti focali. Il primo è l’endorsement dato a Franz Caruso sulla sfida lanciata al Governatore Occhiuto circa i tempi di realizzazione, il secondo è la richiesta di non irrigidirsi sul sito individuato di Vaglio Lise individuato dal consiglio comunale bruzio.

Leggi anche ⬇️

«La posizione di Italia Viva in merito al nuovo Ospedale HUB di Cosenza è chiara da tempo – scrivono Carricato e Tarantino -. Oggi, però, la discussione, in realtà mai sopita, assume un rilievo nuovo, ponendosi su un piano in parte diverso da quello sinora occupato. Non più di luoghi, infatti, deve discutersi, ma di tempi».

«E i tempi, si sa, sono prioritari – o almeno tali dovrebbero essere – quando si tratta di sanità, tema che, evocando l’esigenza di cure, chiama in causa lo stesso concetto di sopravvivenza, più che mai calzante riguardo alle condizioni in cui versa la sanità cosentina. Per questa ragione – sostiene il circolo di Cosenza di Italia Viva – siamo accanto al sindaco della città nella battaglia legata alle tempistiche previste per il solo inizio dei lavori di realizzazione del nuovo nosocomio, che riteniamo inaccettabili se fissati al 2027. Ci uniamo, pertanto, alla sfida lanciata al Governatore regionale per perorare la costruzione in tre anni della struttura che ospiterà il nuovo ospedale».

«Al tempo stesso, però – concludono Carricato e Tarantino – ci appelliamo al buon senso ed è in questa direzione che auspichiamo il superamento di ogni forma di campanilismo nell’esclusivo interesse della collettività affinché, qualora la dilatazione dei tempi – e sul punto invochiamo risposte puntuali e chiare – sia in qualche misura determinata dall’ubicazione, attualmente prevista nell’area di Vaglio Lise del comune di Cosenza, si receda da posizioni rigide riguardo al sito in favore dello snellimento di tempi e procedure, se gli stessi possono trovare altrove condizioni più favorevoli. Il binomio salute-vita implica una scelta netta, che è anzitutto di coscienza, per cui non dovrebbe contare “dove”, ma quando. E quel quando dovrebbe essere, nell’interesse di tutti, il prima possibile».

Articoli correlati