domenica,Giugno 23 2024

Cosenza Pride, Penna: «Politicamente agli antipodi rispetto ad Occhiuto»

La presidente della commissione Legalità e Attività Isitituzionali: «Siamo in costante contatto con la presidente di Arcigay Cosenza per iniziare un lavoro comune per la messa in atto delle idee del loro manifesto politico»

Featured Video Play Icon

Dopo sette anni di attesa, il Pride tornerà a sfilare per le strade di Cosenza il prossimo 22 giugno 2024. L’entusiasmo, nelle associazioni che stanno organizzando l’evento, è alle stelle per questo appuntamento così importante, che porterà la città a celebrare insieme i diritti e le diversità della comunità LGBTQIA.

Il primo Cosenza Pride, avvenuto sette anni fa, fu un momento di grande partecipazione e solidarietà, che ha lasciato un segno indelebile nei cuori di tutti coloro che hanno preso parte alla sfilata per il centro della città. E ora, a dieci anni di distanza dal primo Calabria Pride, si rinnova l’appuntamento per ribadire con forza l’importanza della lotta per i diritti delle persone LGBTQIA.

Il comune di Cosenza ha concesso il patrocinio alla manifestazione, dimostrando così il suo sostegno alle istanze portate avanti e confermando la volontà di promuovere la diversità e contrastare ogni forma di discriminazione. Lunedì pomeriggio, inoltre, in Commissione Legalità e Attività Istituzionali, la presidente Chiara Penna ha spinto per approvare un manifesto di sostegno.

«Una scelta politica? Sì, fondamentale – dice Chiara Penna ricordando il no di Palazzo dei Bruzi al patrocinio sotto la vecchia amministrazione – perché siamo in controtendenza alle scelte di Mario Occhiuto, specialmente sui principi e sul rispetto delle disuguaglianze a tutela delle cosiddette minoranze. Abbiamo da tempo un forte e costante dialogo con tutte le associazioni sul territorio che per noi sono state e saranno un riferimento. L’associazionismo a Cosenza svolge un ruolo fondamentale».

Sarà quindi una giornata all’insegna della gioia, della solidarietà e della lotta per i diritti, un’occasione per coloro che vivono la propria identità in modo autentico di sentirsi accolti e supportati. Il Pride non è solo una parata, ma anche un momento di riflessione e di sensibilizzazione sulla necessità di garantire a tutte le persone pari dignità e opportunità.

«Non vediamo l’ora di vivere insieme questa esperienza e di marciare in tanti per le strade di Cosenza con fierezza e determinazione, per affermare con forza che l’amore e la diversità sono valori da difendere e promuovere sempre. Inoltre – ha concluso Chiara Penna la cui intervista video è in apertura di articolo – lunedì ho interloquito con la presidente di Arcigay Cosenza per iniziare un lavoro comune per la messa in atto delle idee del manifesto politico del Pride».

Articoli correlati