Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, non solo Braglia. Pronto il rinnovo per Bruccini e Idda

Cosenza, non solo Braglia. Pronto il rinnovo per Bruccini e Idda

Braglia venerdì sera è stato a cena con Guarascio: si è già parlato di futuro. Bruccini e Idda resteranno, il nodo da sciogliere è Dermaku…

Il futuro del Cosenza non passerà soltanto dalla posizione di Braglia, che firmerà fino a giugno 2020 nel giro di qualche settimana, ma anche da quello di alcuni calciatori del gruppo storico che hanno garantito al club almeno un altro campionato di Serie B. Insomma, il premio per il torneo che volge al termine sarà generalizzato.

Braglia rinnoverà

Venerdì sera, dopo l’intervento su Rlb durante “Vita da Lupi”, Guarascio è andato a cena proprio con il suo allenatore. All’ordine del giorno la programmazione: non c’è possibilità alcuna che il Cosenza si lasci sfuggire Pierino la Peste. Anzi, il patron ha evidenziato al tecnico dei Lupi, davanti a Trinchera e Carlo Federico, la sua soddisfazione per la stagione che volge al termine e che addirittura potrebbe portare Braglia a lottare per i playoff. Dalle parole del trainer («non ho problemi a restare, decide la società») si evince come sia già tutto predisposto. Se non altro perché a Via degli Stadi il numero uno del club ha fatto da tempo la sua scelta. E, nuovamente, come un anno fa di questi periodi, sembrano lontanissimi i giorni in cui valutava la posizione del titolare della panchina nelle ore antecedenti al derby di Crotone.

Da Bruccini ad Idda

Rinnoveranno il contratto con il Cosenza anche Bruccini ed Idda. Per il centrocampista ci sarà un prolungamento presumibilmente di una stagione, mentre per il difensore si pensa al biennale: sono situazioni già pressoché definite. Hristov può essere riscattato perché piace e dimostra di saperci fare, ne ha parlato pure Braglia in conferenza tessendone le lodi. Chi è in bilico, invece, è Saracco. E’ un calciatore bandiera e farebbe comodo nella stesura della lista, ma l’ambizione del ragazzo è giocare con continuità. Al suo posto, se si consumasse un divorzio, verrebbe tesserato un portiere di una certa esperienza. Mungo ha già firmato a gennaio, mentre rivedere Palmiero a Cosenza significherebbe garantire al Napoli tanti quattrini, più di quanto sia costato al netto il monte ingaggi dell’attuale campionato.

Il nodo Dermaku

A tenere banco, però, è la questione relativa a Dermaku. Anche ieri sera, intervistato da Dazn, ha ribadito il suo desiderio di cimentarsi in Serie A. Di contro sta ammorbidendo le sue posizioni perché nessuno è andato oltre una semplice chiacchierata. Quindi l’ipotesi di firmare almeno 3 anni a Cosenza e di provare l’assalto alla massima categoria da araldo di Guarascio e Braglia non va scartata, ma tenuta in grande considerazione. (Antonio Clausi)

Related posts