Giudiziaria

Omicidio Giuseppe Ruffolo, a processo (solo) Massimiliano D’Elia

Omicidio Giuseppe Ruffolo dinanzi alla Corte d'Assise di Cosenza per provare la colpevolezza o meno di Massimiliano D'Elia.

Il delitto di Giuseppe Ruffolo per ora, o forse per sempre, avrà solo un imputato. La Dda di Catanzaro infatti ha ottenuto il rinvio a giudizio di Massimiliano D’Elia, presunto esecutore materiale dell’assassinio in stile mafioso, commesso a Città 2000 il 22 settembre del 2011. Omicidio nel cuore del pomeriggio che aveva scosso Cosenza intera. Dicevamo del rinvio a giudizio di Massimiliano D’Elia: le posizioni di Roberto Porcaro, presunto mandante (scarcerato dopo pochi giorni dal Riesame di Catanzaro) e Antonio Illuminato, presunto favoreggiatore di D’Elia, sono in sospeso. Per questi due soggetti, la pubblica accusa non ha ritenuto di dover chiedere il processo, in attesa (probabilmente) di altri elementi investigativi.

Omicidio Giuseppe Ruffolo, i due moventi e i pentiti

Come sappiamo, la Dda di Catanzaro (sulla scorta delle dichiarazioni dei pentiti) ha circoscritto il delitto nell’ambito dell’associazione mafiosa del gruppo degli italiani. Due moventi: dalla famosa lite (con conseguente tentato omicidio ai danni di Massimiliano D’Elia all’esterno di un noto pub di Rende) alla presunta attività usuraia di Giuseppe Ruffolo che non avrebbe versato i soldi sporchi nella “bacinella comune”. Fondamentali in tal senso le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, tra cui quelle di Luciano Impieri e Giuseppe Zaffonte. Davanti alla Corte d’Assise di Cosenza dunque la Dda di Catanzaro dovrà provare la colpevolezza di Massimilano D’Elia, difeso di fiducia dagli avvocati Luca Acciardi e Fiorella Bozzarello.

Tags
Mostra altro

Antonio Alizzi

Giornalista professionista dal 13 giugno del 2012. Dal 2002 al 2006 ho lavorato con "La Provincia Cosentina", curando le pagine del calcio dilettantistico. Nel 2006 passo al quotidiano regionale "Calabria Ora", successivamente "L'Ora della Calabria", in servizio presso la redazione sportiva. Mi sono occupato del Cosenza calcio e delle notizie di calciomercato. Nel 2014, inizio l'avventura professionale con il quotidiano nazionale "Cronache del Garantista", scrivendo per la cronaca giudiziaria nel Distretto di Catanzaro. Ora collaboro con Cosenza Channel e due riviste nazionali.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina