venerdì,Aprile 12 2024

Libro no Covid, Gratteri si difende: «Ecco perché ho scritto la prefazione»

Nicola Gratteri spiega i motivi che lo hanno portato a scrivere la prefazione del libro che nega l'esistenza del Covid-19. Ecco cosa dice.

Libro no Covid, Gratteri si difende: «Ecco perché ho scritto la prefazione»

Nicola Gratteri, autore della prefazione del libro “Strage di Stato – le verità nascoste della Covid-19” ha replicato su Repubblica, spiegando i motivi che lo hanno portato ad aderire alla proposta fatta dagli autori Pasquale Bacco, medico, e Angelo Giorgianni, magistrato della Corte d’Appello di Messina.

«Io negazionista? Ma se per l’Ufficio sono state acquistate migliaia di mascherine e siamo tutti vaccinati» afferma al giornale fondato da Eugenio Scalfari. Nell’ufficio della procura di Catanzaro ci sono «plexiglass in tutti gli uffici, dispenser di disinfettanti ogni cinque metri, sanificazioni regolari, accesso al pubblico limitato e tre nuove pec per il deposito degli atti” elenca il magistrato “questo non mi sembra certo l’ufficio di qualcuno che non crede nella pericolosità del Covid».

«Mi sono limitato a cogliere l’occasione che mi è stata offerta per lanciare per l’ennesima volta l’allarme sulla pandemia come nuova occasione di crescita e guadagno per le mafie. Un tema che da troppo tempo viene ignorato. Il sistema-Paese, minato dalla tempesta in corso – questo uno dei passaggi del contributo offerto a Bacco e Giorgianni che Repubblica riporta nell’articolo – rischia di lasciare al crimine organizzato nuovi spazi di manovra, nei quali nessuna azione di contrasto sarà possibile senza una chiara comprensione delle vicende Covid19». Infine, Repubblica indica Nicola Gratteri quale candidato più accredito per diventare il nuovo procuratore capo di Milano.

Articoli correlati