venerdì,Giugno 14 2024

Rende, Manna torna a fare il sindaco. Il Riesame annulla la misura

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro, in sede d'appello, ha accolto la richiesta presentata dall'avvocato Nicola Carratelli in ordine alla revoca del divieto di dimora nel comune di cui è primo cittadino.

Rende, Manna torna a fare il sindaco. Il Riesame annulla la misura

Nuovo colpo di scena a Rende. Dopo Annamaria Artese, anche il sindaco Marcello Manna torna in comune. Il Tribunale del Riesame di Catanzaro, in sede d’Appello, ha accolto la richiesta presentata dall’avvocato Nicola Carratelli in ordine alla revoca del divieto di dimora nel comune di cui è primo cittadino. Questa era una misura che il Gip Piero Santese aveva applicato lo scorso mese di novembre nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Cosenza contro la presunta mala gestione dell’Ente.

Il sindaco di Rende Marcello Manna nel primo giudizio del Riesame aveva ottenuto l’annullamento dei due capi d’imputazione relativi all’ipotesi di corruzione. Era rimasta in piedi, invece, l’ipotesi di una presunta turbativa d’asta collegata alla posizione cautelare del dirigente del Comune Roberta Vercillo. Sul punto l’avvocato Nicola Carratelli ha condotto indagini difensive portando al nuovo collegio del Riesame una documentazione ancora più corposa, che presentava nuovi elementi nei confronti di Manna.

Ovvero che per il bando di gara relativo del centro diurno per minori affidato alla cooperativa sociale “Il Melograno“, non fosse interessata in realtà soltanto una ditta. Dalla documentazione prodotta è emerso che anche un’altra società avrebbe avuto i requisiti per ottenere il servizio.

Il pronunciamento in favore del sindaco di Rende Marcello Manna segue quelli con cui il Riesame ieri aveva annullato le misure interdittive ai dirigenti Francesco Minutolo e Luigi Rovella.

Leggi anche ⬇️
Leggi anche ⬇️

Articoli correlati