domenica,Giugno 23 2024

Piantedosi avvia l’iter per sciogliere il comune di Bari. De Caro: «Follia, prima delle elezioni»

Il Ministro invia la Commissione d'accesso e il sindaco, di recente in visita anche a Cosenza, urla al complotto parlando di provvedimento ad orologeria

Piantedosi avvia l’iter per sciogliere il comune di Bari. De Caro: «Follia, prima delle elezioni»

«Oggi è stato firmato un atto di guerra nei confronti della città di Bari. Il ministro Piantedosi mi ha comunicato telefonicamente che è stata nominata la commissione di accesso finalizzata a verificare una ipotesi di scioglimento del Comune» di Bari. Ad annunciarlo è il sindaco Antonio Decaro, presidente Anci, Associazione nazionale comuni italiani con un intervento sui social. La commissione ministeriale è stata nominata per accertare le presunte infiltrazioni mafiose nel Consiglio comunale di Bari e in altre aziende municipalizzate dopo l’arresto di 130 persone in una inchiesta della Dda barese che ha svelato un presunto intreccio mafia-politica con scambio di voto alle Comunali del 2019.

«Meccanismo a orologeria»

Il sindaco Decaro spiega che «l’atto, come un meccanismo a orologeria, segue la richiesta di un gruppo di parlamentari di centrodestra pugliese, tra i quali due viceministri del governo e si riferisce all’indagine per voto di scambio in cui sono stati arrestati tra gli altri l’avvocato Giacomo Olivieri e la moglie, consigliera comunale eletta proprio nelle file di centrodestra».

La rabbia del sindaco Decaro

«Incuranti – prosegue – delle parole del procuratore distrettuale antimafia che in conferenza stampa ha detto testualmente: “l’amministrazione comunale di Bari in questi anni ha saputo rispondere alla criminalità organizzata”, gli stessi soggetti che nel 2019 hanno portato in Consiglio Comunale due consiglieri arrestati per voto di scambio, ora spingono per lo scioglimento di un grande capoluogo di regione, evento mai successo in Italia, nemmeno ai tempi dell’inchiesta su Mafia Capitale». Secondo Decaro si tratta di «un atto gravissimo, che mira a sabotare il corso regolare della vita democratica della città di Bari, proprio (guarda caso) alla vigilia delle elezioni. Elezioni che il centrodestra a Bari perde da vent’anni consecutivamente. Per le quali stenta a trovare un candidato e che stavolta vuole vincere truccando la partita».

Articoli correlati