venerdì,Maggio 20 2022

Cetraro, Ginecologia chiusa di notte. Muore anziana: si attende il tampone

Le parole del consigliere regionale Giuseppe Aieta confermano pienamente quanto scritto da Cosenza Channel in un articolo relativo ai requisiti minimi per creare un reparto di Malattie Infettive (LEGGI QUI). L’ospedale di Cetraro, infatti, non possiede quelle caratteristiche strutturali per far sì che i pazienti malati di Covid-19 siano curati nel migliore dei modi. Tra

Cetraro, Ginecologia chiusa di notte. Muore anziana: si attende il tampone

Le parole del consigliere regionale Giuseppe Aieta confermano pienamente quanto scritto da Cosenza Channel in un articolo relativo ai requisiti minimi per creare un reparto di Malattie Infettive (LEGGI QUI). L’ospedale di Cetraro, infatti, non possiede quelle caratteristiche strutturali per far sì che i pazienti malati di Covid-19 siano curati nel migliore dei modi. Tra le tante mancanze, quella più importante è l’assenza totale delle stanze a pressione negativa. E’ fondamentale per tirare fuori l’aria contaminata e immettere nella stanza l’aria pulita.

Tuttavia, il personale medico e infermieristico dell’ospedale di Cetraro è in subbuglio. Nessuno ha gradito la decisione dell’Asp di Cosenza di inviare i pazienti di coronavirus alla struttura ospedaliera Spoke Cetraro-Paola, proprio perché mancano i requisiti di sicurezza per i pazienti, ma soprattutto per medici, infermieri e altro personale sanitario. Oggi, tuttavia, si aggiunge il caso “Ginecologia”.

Cetraro, reparto di Ginecologia chiuso di notte

Il dirigente medico dell’Unità Operativa Complessa di Ginecologia ed Ostetricia Spoke Cetraro-Paola, Angelo Cannizzaro avrebbe comunicato l’apertura del reparto dalle ore 8 di mattina alle ore 20 di sera. Questo perché l’ospedale di Cetraro vive di una crisi profonda dovuta alla mancanza del personale medico, in particolare nei turni di notte. Infatti, mancherebbe il chirurgo e il cardiologo. Due figure essenziali per poter garantire il servizio di Ginecologia durante la notte. Non sarebbe sufficiente neanche la Telecardiologia.

Impossibilitato quindi dal poter offrire un servizio efficiente anche di notte, il dirigente medico si sarebbe rivolto ai vertici dell’Asp di Cosenza e della Regione Calabria, comunicando loro l’apertura temporanea H12 dell’Unità Operativa Complessa di Ginecologia e Ostetricia. Tra i motivi di tale decisione c’è anche l’emergenza Covid-19 che ha, di fatto, chiuso i ricoveri ordinari in day surgery e gli ambulatori.

Infine, apprendiamo della scomparsa di una signora di 94 anni, originaria di San Lucido, ricoverato all’ospedale di Cetraro quale caso sospetto di coronavirus. L’anziana non ce l’ha fatta e ora si attendono i risultati del tampone per capire se avesse o meno il Covid-19.

Articoli correlati