Tutte 728×90
Tutte 728×90

Scalise fuori lista. Allenerà gli Allievi del Cosenza per 18 mesi?

Scalise fuori lista. Allenerà gli Allievi del Cosenza per 18 mesi?

Il terzino vive una situazione un po’ surreale, ma il club conta di venire a capo della vicenda nei prossimi giorni. La soluzione per Scalise potrebbe essere la panchina dell’unser 17.

Il termine ultimo per consegnare alla Lega la lista dei 16 calciatori over scadrà sabato prima del match. Il Cosenza ha rimodellato il suo organico inserendo pedine fresche, selezionate sul mercato dal direttore sportivo Aladino Valoti. Gli elementi che compariranno nell’elenco sono Perina, Corsi, D’Anna, Tedeschi, D’Orazio, Pinna, Calamai, Mungo, Criaco, Caccetta, Capece, Cavallaro, Statella, Letizia, Baclet e Mendicino. A questi si aggiungono Blondett, considerato calciatore bandiera in quanto classe ’92 e da almeno tre stagioni in organico, e tutti gli under presenti in rosa.

Come noto è stato messo fuori lista Manuel Scalise (‘81). Per completare le operazioni in entrata serviva un sacrificio, specialmente alla luce delle mancate partenze degli ultimi giorni. Il 31 gennaio il presidente lo ha convocato per discutere della situazione, ma anche ieri il club è tornato ad offrire la carica di allenatore della formazione Allievi. L’idea, che in un certo senso potrebbe gratificare il ragazzo, è affidargli l’incarico per 18 mesi. In questo modo non solo avrebbe modo di avviarsi alla carriera da tecnico, ma potrebbe perfino programmare il lavoro della prossima stagione calandosi nella parte. A più di un mese dall’esonero di Roselli e del passaggio di Occhiuzzi in prima squadra, del resto, la panchina dell’Under 17 è ancora vacante.

Scalise, ad ogni modo, ha dimostrato professionalità. Chiamato il 27 ottobre da Cerri e Roselli, è stato gettato subito nella mischia a Castellammare di Stabia solo con un paio di allenamenti nelle gambe. Impiegato in un ruolo non suo, ha fatto quanto ha potuto. A margine di 4-5 partite è stato messo in naftalina per poi finire sul mercato. Mai una parola fuori posto, con la consapevolezza di avere tre strade davanti a sé: la rescissione, restare ai margini fino a giugno o cambiare mestiere e accomodarsi in panchina. (Antonio Clausi)

Related posts