Cronaca

Agguato al gip Giuseppe Greco, preso a bastonate da due malviventi

Il giudice Giuseppe Greco, in servizio presso l'ufficio gip/gup del tribunale di Cosenza, ha subito un agguato sotto la sua abitazione.

Notte di terrore, quella del 22 dicembre scorso, per il giudice del tribunale di Cosenza, Giuseppe Greco vittima di un agguato sotto la sua abitazione. Due malviventi, secondo quanto denunciato dal magistrato, lo hanno atteso per prenderlo a bastonate. Poteva finire in tragedia. Ora indaga la Squadra Mobile di Cosenza, diretta dal vicequestore Fabio Catalano.

Terrore per il giudice Giuseppe Greco, la ricostruzione dei fatti

Il giudice Giuseppe Greco la sera del 21 dicembre scorso aveva deciso di cenare fuori insieme ad alcuni amici. Una serata in compagnia durata fino all’una di notte del 22 dicembre, quando stava per ritornare a casa. Ma è qui che succede qualcosa. Il magistrato – firmatario di numerosi provvedimenti restrittivi contro la criminalità organizzata, ultimo dei quali “Testa di Serpente”, e la pubblica amministrazione – si dirige verso la zona in cui abita. Nella denuncia presentata alla procura di Salerno, ai carabinieri della Compagnia di Cosenza e ai poliziotti della Questura di Cosenza, il giudice avrebbe riferito di non aver notato alcuna vettura che lo stava seguendo. Aperto il cancello automatico, però, avrebbe visto la porta basculante di uno dei garage completamente aperta, al cui interno la luce era accesa. 

La sua marcia verso la porta “tagliafuoco” che conduce direttamente all’ascensore dello stabile, è interrotta da due uomini con volto coperto. Le torture a danni del giudice di Cosenza sarebbero iniziate proprio qui. Lo avrebbero immobilizzato e uno dei due, armato di un bastone, lo avrebbe colpito violentemente sui fianchi, sulla schiena e sulle gambe. Giuseppe Greco, secondo quanto raccontato alle forze dell’ordine, avrebbe chiesto aiuto a gran voce ma i suoi aguzzini avrebbero proseguito nel loro intento anche quando la vittima era riversa sul pavimento.

Pochi istanti dopo sul luogo dell’agguato, sono arrivati due giovani – presumibilmente i proprietari del garage visto aperto dal togato in precedenza – che sarebbero riusciti ad interrompere la sequenza di violenza dei due delinquenti ai danni del giudice Greco che, nel disperato tentativo di fuggire, sarebbe riuscito ad entrare nell’ascensore. Tutto questo sarebbe avvenuto intorno all’una e trenta di notte, quando il giudice ha chiesto l’intervento dei carabinieri e della polizia, recandosi con loro al pronto soccorso. 

Solidarietà dai magistrati

Il giudice Giuseppe Greco ha ricevuto il sostegno da tutti i magistrati della Sezione Distrettuale dell’Associazione Nazionale Magistrati di Cosenza, di cui è presidente la dottoressa Urania Granata, giudice del tribunale di Cosenza e dal segretario ANM, e segretaria la dottoressa Margherita Saccà, sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Cosenza. Pare sia in corso, in queste ore, una riunione interforze tra Prefettura, Questura e Ministero dell’Interno per la valutazione dell’adozione di misure di protezione per la incolumità del giudice Giuseppe Greco.   

Raggiunto telefonicamente il difensore del magistrato cosentino, l’avvocato Roberto Le Pera, non ha ritenuto di rilasciare alcuna informazione inerente ai fatti denunciati dal proprio assistito, «stante la necessità di garantire il segreto istruttorio e consentire alla competente magistratura le urgenti attività investigative, anche a tutela della persona del dottore Giuseppe Greco».

Mostra altro

Antonio Alizzi

Giornalista professionista dal 13 giugno del 2012. Dal 2002 al 2006 ho lavorato con "La Provincia Cosentina", curando le pagine del calcio dilettantistico. Nel 2006 passo al quotidiano regionale "Calabria Ora", successivamente "L'Ora della Calabria", in servizio presso la redazione sportiva. Mi sono occupato del Cosenza calcio e delle notizie di calciomercato. Nel 2014, inizio l'avventura professionale con il quotidiano nazionale "Cronache del Garantista", scrivendo di cronaca giudiziaria. Ora collaboro con Cosenza Channel e due riviste nazionali.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina