ApprofondimentiIn evidenza home

Esclusiva, la relazione su “Villa Torano”: ecco cosa successe ad aprile

Cosenza Channel pubblica in esclusiva la relazione dell'Asp di Cosenza che descrive l'inizio e la fine del focolaio di "Villa Torano".

Un racconto dettagliato al minuto, che abbraccia il mese di passione di “Villa Torano” dal 13 aprile al 10 maggio. È tutto nel rapporto stilato dal Dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Cosenza e consegnato alla Procura che ha avviato un’indagine. 

La visita dei Nas del 15 marzo nell’Rsa: tutto in ordine

Le domande che restano aperte sono: quando e come è entrato il virus nella struttura? Di sicuro prima della notte di Pasqua, quando viene lanciato il primo, ma riservatissimo, allarme dalla direzione sanitaria di “Villa Torano”. La prova è la testimonianza di Daniela, nipote della signora Pileria, ricoverata l’11 marzo a “Villa Torano”. Lì doveva rimanere solo qualche settimana per la riabilitazione per uscire poi il 9 aprile, ma al momento della dimissione i familiari sono tornati a casa senza di lei.

«Quando siamo andati a prenderla – ci raccontò Daniela il 17 aprile – dissero che non potevamo portarla con noi perché aveva la febbre». La signora Pileria risultò poi fra i pazienti della Rsa positivi al Covid-19. Andare a ritroso non è semplice, ma sembra che i Nas, chiamati a effettuare controlli nelle cliniche private del territorio, il 15 marzo avessero ispezionato proprio “Villa Torano” senza registrare alcuna criticità. 

Il rapporto dell’Asp

È la sera di Pasquetta. Alle 19:54 del 13 aprile, il Dipartimento di Prevenzione riceve un messaggio dal laboratorio di Microbiologia dell’ospedale dell’Annunziata. C’è un sospetto caso Covid, dicono dall’Azienda ospedaliera all’Asp di Cosenza, e arriva da una clinica privata: “Villa Torano”. Cinque minuti dopo viene attivato il protocollo di pre-allerta. La paura è che si tratti dell’inizio di un nuovo focolaio. 

Dodici ore più tardi, sono le nove del mattino del 14, il Dipartimento di Prevenzione Igiene e Salute Pubblica di Cosenza riceve una telefonata da Antonio Belcastro, direttore del Dipartimento tutela della Salute della Regione Calabria. Belcastro conferma all’Asp di Cosenza che nella Rsa di Torano Castello risultano già diversi casi positivi. 

Villa Torano, positivi anche i familiari dei dipendenti: ultimo aggiornamento
“Villa Torano”, Rsa per anziani

Un fulmine a ciel sereno

Ma dalle parti dell’Asp non ne sanno nulla di tamponi richiesti ed effettuati, quindi la comunicazione arriva come un fulmine a ciel sereno. Solo dodici ore prima si parlava di un caso, quello della signora Maria, adesso invece la questione prende tutta un’altra piega. L’emergenza è già in corso. Il dottore Marino chiama Luigi Pansini, direttore sanitario di “Villa Torano”. Pansini ammette di aver fatto eseguire i tamponi oro-faringei la notte del 12 aprile su tutti gli ospiti e su parte degli operatori sanitari. Il risultato delle analisi era stato devastante: 42 operatori positivi al test.

Ma dov’erano stati elaborati i campioni? Pansini risponde che tutto era stato inviato al laboratorio di Virologia dell’Ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro. A questo punto l’Asp richiede gli elenchi di tutti i dipendenti e i pazienti della struttura, anche di quelli che ancora non si erano ancora sottoposti al tampone. 

Positivi pazienti e operatori

È il 15 aprile, sono passati tre giorni dalla notte del primo allarme, quello che la clinica ha gestito senza coinvolgere l’Asp. Alle 8 del mattino il quadro completo è critico. Ci sono molti soggetti positivi al Covid-19, tra pazienti e operatori. 

È nota la scelta del commissario straordinario dell’Asp di Cosenza, Giuseppe Zuccatelli di far ripetere i tamponi. Un operatore, della clinica avrebbe eseguito gli screening usando lo stesso paio di guanti, quindi il commissario decide che è tutto da rifare. Nel piazzale antistante “Villa Torano” vengono eseguiti 100 tamponi: 53 sugli operatori presenti in struttura e su quelli liberi da servizio e convocati di tutta fretta, e 47 su parte dei contatti stretti. A mezzogiorno tocca ai pazienti dell’Rsa. Il giorno successivo, alle 10 del mattino, viene completato lo screening sui dipendenti (altri 8 operatori) e sui pazienti (38). Il 17 aprile su 56 pazienti in 36 risultano positivi, 20 negativi.

L’Rsa chiude? No

A questo punto, tutti si aspettavano che la clinica venisse chiusa. Invece no. Pare che non si sia in grado di smistare gli ospiti e i dipendenti in un altro luogo sicuro. Alcuni sindaci si oppongono, non vogliono che nel loro Comune vengano sistemati i pazienti Covid positivi. Anche l’hotel, di proprietà dell’ordine dei Minimi di Paola, che sembrava fosse a un passo dal diventare un luogo di ospitalità per i contagiati di Villa Torano, resta vuoto. 

La struttura divisa in tre zone

Il 17 aprile, “Villa Torano” viene ispezionata e il parere dell’Asp è da disco verde: tutti possono restare. Per evitare contaminazioni, l’Rsa viene suddivisa in tre zone: Covid positiviCovid negativi e una zona grigia per collocare pazienti che, nonostante il risultato negativo, sono stati a contatto con soggetti risultati poi contagiati. Il giorno dopo, siamo al 18 aprile, nella struttura muore un’anziana ospite che era risultata positiva al tampone. 

Non sarà l’unica. Alcuni pazienti ce la faranno, altri, piegati da pregresse patologie, no. Il 23 aprile, muoiono all’ospedale di Cosenza, altre due anziane e il 10 maggio un’altra ancora. 

L’incubo è finito

Oggi, molti dei pazienti e dei dipendenti di “Villa Torano” sono guariti. Un solo paziente è ancora positivo così come una decina di dipendenti. Il destino della clinica è ora nelle mani dell’Ota, l’Organismo tecnicamente accreditante, quindi della Regione, che dovrà decidere se chiudere o meno i rubinetti a “Villa Torano”. L’inchiesta, invece, è ancora tutta da scrivere. 

Mostra altro

Alessia Principe

Alessia Principe è una giornalista professionista. Nata a Cosenza, si è laureata in Giurisprudenza all’Università degli studi di Messina. Durante gli studi, ha iniziato a lavorare come cronista per il quotidiano Edizione della Sera, occupandosi di cronaca. Subito dopo la laurea è diventata parte della redazione del quotidiano regionale Calabria Ora occupandosi delle pagine di spettacoli e cultura. Con la nomina di Piero Sansonetti come direttore de L’Ora della Calabria, ha ricoperto il ruolo di responsabile del settore Spettacoli e Cultura dell'inserto “Macondo”. Nel 2014, è stata responsabile per la Calabria delle pagine di Cultura del quotidiano Il Garantista. Nel 2016 la sua mostra video-fotografica “Stati Uniti della Sila”, è stata esposta a Palazzo Arnone, prima personale realizzata interamente con smartphone a essere ospitata da una galleria nazionale in Italia. Nel 2018 ha pubblicato “Tre volte”, il suo primo romanzo per i tipi di Bookabook. Scrive di cinema per il blog dell’Huffington Post e racconti per riviste letterarie. Ha partecipato alla stesura della sceneggiatura del documentario “Il sogno di Jacob” ispirato alla vita di Nik Spatari e alla nascita del Musaba.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina