sabato,Gennaio 28 2023

Cosenza-Brescia, pagelle: Marson è un muro, Brignola determina

Nel pareggio del Cosenza con il Brescia sono in tanti a giocare bene. Rispoli e Vaisanen bene. Buoni anche gli ingressi dalla panchina.

Cosenza-Brescia, pagelle: Marson è un muro, Brignola determina

MARSON: VOTO 7,5
Un muro. Si arrende solo al 91′ dopo 5 ottime parate ed un’uscita monstre su Aye che vale un gol. Finisce stoicamente infortunato.
RISPOLI: VOTO 6,5
In fase di possesso si alza tantissimo. Il Cosenza pende dalla sua parte e lui si fa trovare sempre pronto come nell’azione che porta al gol di Larrivey.
VAISANEN: VOTO 7
Duello ad alta quota con Moreo che il finlandese vince. Anche Aye gli fa il solletico. Nel finale alza ancora di più il muro e respinge qualsiasi palla gli capiti a tiro.
RIGIONE: VOTO 6,5
Una botta in testa lo limita un po’. Non va in affanno con Moreo. Soffre il giusto la rapidità di Bianchi. Nel secondo tempo un paio di chiusure d’alta scuola evitano guai.
GOZZI: VOTO 6
Lo stile non sarà mai il suo forte ma tutto sommato fa bene il suo lavoro, soprattutto in fase difensiva. Non spinge molto. Quando ci prova, si fa male ad inizio ripresa.
FLORENZI: VOTO 6
La notizia è che gioca una partita normale. Nel primo tempo si preoccupa di difendere su Ndoj e si fa vedere molto meno di altre volte nella metà campo bresciana. Tenta poco i suoi classici uno contro uno. Meglio nella ripresa.
CALO’: VOTO 6,5
Viali gli affida le chiavi della squadra anche oggi. Un paio di aperture d’alta categoria. Non è tanto dinamico ma soffre e si sacrifica fino all’ultimo istante. Finisce sulle ginocchia dopo aver dato davvero tutto.
BRESCIANINI: VOTO 5,5
Ritrova una maglia da titolare dopo tre panchine di fila. Parte bene ma con il passare dei minuti la sua azione diventa meno efficace.
BRIGNOLA: VOTO 7
Finalmente è determinante. Lotta senza risparmiarsi su ogni pallone. Ha due, potenziali, occasioni del primo tempo. Sulla seconda viene stoppato sul più bello. Poi spezza in due il Brescia in occasione del vantaggio rossoblù.
LARRIVEY: VOTO 7
Bene sulle palle alte, dove le sue spizzate sono un fattore, maluccio su quelle rasoterra, visto che i difensori del Brescia lo anticipano spesso. Trasforma in oro l’unica palla buona che gli capita a tiro e si conferma un cecchino implacabile in area avversaria.
MEROLA: VOTO 5,5
Anche lui parte bene ma poi, nelle azioni chiave che gli capitano a tiro, non riesce ad essere incisivo: incespica sul lancio di Calo’, poi di testa, tutto solo, manda alto la migliore chance del Cosenza del primo tempo.
VIALI: VOTO 6,5
Quarto risultato utile consecutivo e per pochissimo non va vicino al colpo grosso. Il suo Cosenza però ha un’anima, non molla mai e sa sempre quello che deve fare. La strada intrapresa è quella giusta.

SUBENTRATI
LA VARDERA: VOTO 6,5
Un tempo pieno di tanta personalità ma anche qualità e lucidità. Ottimo esordio stagionale.
NASTI: VOTO 6,5
Entra con la voglia di spaccare il mondo. Pressa chiunque, tiene palla, fa salire la squadra e si sacrifica in copertura. Si riscatta dopo Pisa.
D’URSO: VOTO 6,5
Mette la sua qualità a disposizione della squadra. Dargli palla è sempre una buona idea.
VALLOCCHIA: SV
MERONI: 6
Salva un gol sulla linea rimandando il pareggio del Brescia.

Articoli correlati