venerdì,Aprile 12 2024

Accordo Trenitalia Simet, Baldino: «A chi perderà il lavoro restano gli annunci di Salvini e Staine»

La vicecapogruppo del M5S alla Camera: «I 33 lavoratori licenziati, alcuni in attesa di sentenza dal giudice del lavoro, resterebbero esclusi dall’accordo di cessione»

Accordo Trenitalia Simet, Baldino: «A chi perderà il lavoro restano gli annunci di Salvini e Staine»

«Quello che si sta consumando attorno alla vicenda Simet sembrerebbe essere solo una tristissima sceneggiata politica che vede come attori non protagonisti il ministro Salvini e l’assessore Staine. Solo pochi giorni fa, infatti, hanno annunciato il perfezionamento di un accordo tra Simet e Ferrovie dello Stato che arriva all’esito di una intricata vicenda economica che ha visto la società partecipata dallo Stato in un primo momento ritirarsi da un accordo di partnership precedentemente concluso con l’azienda, con gravi conseguenze per l’azienda stessa ma soprattutto per i lavoratori». E’ quanto scrive in una nota Vittoria Baldino vicecapogruppo M5S a Montecitorio.

Leggi anche ⬇️

«Questi ultimi, i veri protagonisti della vicenda, sono quelli che più di tutti ne hanno pagato le spese, perdendo il posto di lavoro e dovendo intraprendere una dura battaglia legale per veder riconosciuti i propri diritti. Ora, secondo gli annunci e le note celebrative – continua Baldino – il nuovo accordo raggiunto avrebbe dovuto “preservare e salvaguardare tutti i posti di lavoro”, in realtà però si tratterebbe dei 46 lavoratori ancora in forza presso l’azienda, mentre i 33 lavoratori licenziati, alcuni in attesa di sentenza dal giudice del lavoro, resterebbero esclusi dall’accordo di cessione da Simet a Busitalia Rail Services S.r.l. del ramo d’azienda relativo al trasporto passeggeri su gomma sulla lunga distanza e del relativo piano occupazionale».

«A loro – rimarca Baldino – resterebbero le vane speranze e i vuoti annunci. Una circostanza che fa il paio con la decisione di lasciare fuori dai tavoli di concertazione la rappresentanza sindacale dei lavoratori licenziati che solo il prossimo 21 novembre, cioè a cose fatte, sarà informata dei termini e della natura dell’accordo. Una storia di ingiustizia sociale e di agnelli sacrificali, che auspicavamo si concludesse diversamente confidando nel buon nome dell’azienda e nella serietà di una classe politica che invece ancora una volta ha scelto di voltare le spalle ai lavoratori».

Leggi anche ⬇️

Articoli correlati