CronacaDall' ItaliaDalla Calabria

Il dominio dei Casamonica a Roma, le trattative con la ‘ndrangheta e il ruolo di un cosentino [FOTO-VIDEO]

Circa 250 militari del Comando Provinciale Carabinieri di Roma, con l’ausilio di unità cinofile, un elicottero dell’Arma e del personale dell’8° Reggimento “Lazio”, sono stati impegnati fra Roma e le provincie di Reggio Calabria e Cosenza per eseguire 31 misure cautelari in carcere, emesse dal gip del Tribunale di Roma, su richiesta della Dda di Roma, nei confronti di altrettanti soggetti, fra cui 11 donne, a diversi dei quali viene contestato anche l’associazione mafiosa, per avere costituito e preso parte all’associazione mafiosa denominata “clan Casamonica” operante nella zona Appia-Tuscolana della città di Roma, con base operativa in vicolo di Porta Furba.

Il ruolo apicale di promotore è stato attribuito a Giuseppe Casamonica, recentemente uscito dal carcere dopo circa 10 anni di detenzione. Gli arrestati sono ritenuti responsabili, in concorso fra loro e con ruoli diversi, di aver costituito un’organizzazione dedita al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, nonché di ulteriori reati quali estorsione, usura, concessione illecita di finanziamenti ed altro, tutti commessi con l’aggravante del metodo mafioso.

Le indagini, condotte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati sotto la direzione della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, sono state avviate nell’estate del 2015, ancor prima degli sfarzosi funerali di “Zio Vittorio”, ed hanno permesso di documentare l’esistenza di un’associazione mafiosa autoctona strutturata su più gruppi criminali, prevalentemente a connotazione familiare, dotati di una propria autonomia decisionale, operativa ed economica e dediti a vari reati tra i quali lo spaccio di stupefacenti, l’usura, le estorsioni ed altro.

Nel corso delle attività, che si sono basate anche su una ricostruzione storica dei procedimenti penali che negli anni hanno riguardato a vario titolo alcuni componenti del citato nucleo familiare, documentandone anche i legami nel tempo con altre organizzazioni criminali di stampo mafioso insediatesi nel territorio capitolino, è emerso come il “clan Casamonica” si avvalga tuttora di una forza numerica che, unita alla totale chiusura verso l’esterno, alla disponibilità di armi ed all’utilizzo di una lingua difficilmente decifrabile, conferisce forza al gruppo, permettendo ad ogni singolo appartenente di avere atteggiamenti di prevaricazione e minacciosi nei confronti dell’esterno, avvalendosi anche della forza intimidatrice oramai insita nel nome “Casamonica”.

Le indagini, che per la prima volta nello specifico ambito si sono avvalse anche delle dichiarazioni rese da un testimone e da un collaboratore di giustizia intranei al sodalizio, hanno documentato una fiorente attività di spaccio nella zona sud-est della Capitale, con canali di approvvigionamento anche dalla Calabria, nonché numerosi episodi di estorsione ed usura in danno di commercianti ed imprenditori, del posto e non, che a loro si sono rivolti nel tempo per prestiti di somme di denaro, anche consistenti, stabilendo di fatto con i creditori un legame a vita.

Si è accertato, infatti, che le persone offese, una volta ricevuto un prestito dai Casamonica, non riescono praticamente più a sottrarsi alle richieste di denaro da parte degli indagati, che continuano anche a distanza di anni e che, ad un certo punto, assumono innegabile matrice estorsiva in quanto sono oggettivamente prive di ogni giustificazione e si fondano esclusivamente sulla forza di intimidazione del gruppo, che spesso non ha neanche la necessità di far ricorso a minacce esplicite per ottenere la consegna di quanto indebitamente preteso. Tra le vittime anche personaggi noti del mondo dello spettacolo.

Le manette sono scattate anche per un calabrese di San Luca affiliato ad una nota famiglia mafiosa operante nella locride che rappresentava uno dei canali di rifornimento della cocaina per i Casamonica attestati a Porta Furba.

Fra gli arrestati anche appartenenti ai cugini Spada, alcuni dei quali abitanti in vicolo di Porta Furba. Fra essi anche il noto pugile, ex campione italiano, Domenico Spada, detto “Vulcano”.

Contestualmente alle misure cautelari è in atto il sequestro di diversi beni, tra cui una palestra a Marino riconducibile al citato “Vulcano”, un ristorante alle spalle del Pantheon, un centro estetico ed una discoteca a Testaccio, oltre a numerosi conti correnti ed autovetture nella disponibilità degli indagati.

Nello stesso contesto si sta procedendo anche al sequestro di diversi alloggi popolari dislocati a Roma e provincia, attualmente occupati irregolarmente da alcuni degli indagati. E’ stato accertato come, da oltre 10 anni, uno di essi sia stato usurpato con violenza e minaccia armata al legittimo possessore, oggi ultrasettantenne, costretto a vivere per strada.

Unitamente a personale dell’Agenzia Nazionale dei Beni Confiscati, infine, si sta procedendo alla formale immissione in possesso di ulteriori 4 immobili, già confiscati in via definitiva e tuttora occupati da alcuni destinatari di misura cautelare coercitiva.

Nel corso delle perquisizioni sono stati rinvenuti e sequestrati vari conti correnti, circa 50mila euro in contanti, 20 autovetture, decine di orologi di lusso e numerosi appunti manoscritti utili al proseguo delle indagini.

I NOMI DGELI ARRESTATI. Custodia in carcere per Antonietta Casamonica, detta “Bindella”, Consiglio Casamonica, detto “Simone”, Domenico Casamonica, detto Balò/balù”, Emanuel Casamonica, Enrico Casamonica, detto “Ringo”, Giovannina Casamonica, detta “Romina”, Giovannina Casamonica, detta “Balì”, Giuseppe Casamonica, detto Bìtalo, Guerrino Casamonica detto Chicco, Liliana Casamonica detta Stefania, Luciano Casamonica, Massimiliano Casamonica detto Ciufalo, Pasquale Casamonica inteso Rocky, Rocco Casamonica, Salvatore Casamonica detto Dò, Salvatore Casamonica detto Andrea, Cristian Condorelli, Silvia Di Filippo, Angelo Di Guglielmi, Giuseppina Di Marzio detta “Pina”, Rosa Di Silvio, Pamela Frittella, Fabrizio Marcelli, Claudia Protani, Angelo Spada, detto “Banana”, Celeste Spada, Cristina Spada, Domenico Spada, detto “Vulcano”, Gentilina Spada, Ottavio Spada, Stefano Spataro, originario di Rossano e accusato di spaccio di droga, Domenico Strangio, originario di San Luca e accusato di aver ceduto una quantità di cocaina per avviare una cessione di droga ben superiore a quella iniziale, Massimiliano Tolli, Katia Tolli, Andrea Vecchio, Vito Nicola Zaccaro e Alessandro Bonilauri.

Sei di questi sono ancora irreperibili, mentre gli altri sono stati arrestati nel corso del blitz di oggi.

Tags
Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina