Politica

Elezioni regionali in Calabria, il Pd Cosenza: «Candidato sia Oliverio»

La Direzione provinciale esprime forte critica per il fatto che l’istituto del commissariamento del partito è utilizzato non come potere sostitutivo della direzione politica ma come potere soppressivo e di annullamento della funzione dei circoli e di tutte le altre articolazioni organizzative del PD a livello territoriale provinciale. Non esiste ormai nessuna sede politica partecipata e condivisa nella quale si possa decidere la linea politica e le proposte per le elezioni regionali attraverso il coinvolgimento di tutte le espressioni e rapprentanze politiche e territoriali. Il commissario convoca riunioni che escludono e discriminano tutti coloro i quali dissentono dalla sua ostinazione di non riconoscere la proposta di candidare Mario Oliverio.

«Il commissario Graziano è illegittimo»

Il commissario ormai è da considerarsi illegittimo poiché ha fallito sull’espletamento del mandato conferitogli dalla direzione nazionale del PD di organizzare e gestire la fase congressuale regionale e sta creando una irreversibile condizione di difficoltà per le elezioni regionali. Per questo la federazione provinciale di Cosenza fa appello alla Segreteria nazionale affinché avochi a sé la gestione politica del PD calabrese e garantisca, in questa fase preelettorale, il coinvolgimento delle rappresentanze politiche territoriali nei momenti di elaborazione e confronto politico e nei processi decisionali.

«Distruzione del centrosinistra»

Infatti, finora, nonostante numerose iniziative portate avanti dai territori e dalle strutture di base non vi è stata alcuna iniziativa dei vertici regionali e nazionali del partito per costruire percorsi democratici ed inclusivi. Si è lavorato senza sosta per dividere il partito, senza alcun coinvolgimento degli organismi legittimamente eletti dai congressi di circolo, di federazione, della assemblea nazionale e dei componenti della direzione nazionale eletti all’ultimo e recente congresso del PD. Abbiamo assistito alla rimozione della esperienza del governo regionale, alla negazione di ogni forma di discussione larga e partecipata, al tentativo di distruzione della unica e vera coalizione civica e di centrosinistra che oggi è effettivamente in campo, alla convocazione di riunioni romane tra amici con una selezione all’interno delle stesse correnti. 

Pd e M5S accordo anche in Calabria
Pd e M5S accordo anche in Calabria?

«No ad alleanze col M5S»

E’ doveroso ricordare che il Commissario non può abrogare lo Statuto.
Anche sul tema delle alleanza si è voluto esporre il partito al pubblico ludibrio con un inseguimento quotidiano nei confronti dei 5 Stelle senza alcuna discussione sui programmi e sui contenuti ma semplicemente per bloccare la vita democratica interna. Proprio perché crediamo nella necessità di una riorganizzazione del campo democratico e progressista riteniamo sbagliato anteporre il tema delle alleanze ai contenuti ed ai programmi e soprattutto riteniamo sbagliato imporla freddamente sui territori senza alcuna condivisione e discussione. Si sta esponendo, ancora il Governo nazionale a sconfitte elettorali e politiche frutto di una accelerazione sull’alleanza con il Movimento 5 Stelle che merita invece in chiave strategica di maturare in un processo politico largo e democratico e soprattutto di potersi fondare su una comune visione della società e su comuni valori. 

«Mario Oliverio candidato del centrosinistra unito»

La Direzione provinciale ritiene che sia dovere di tutti lavorare per consolidare l’esperienza del Governo nazionale anche con l’avvio di una fase costituente del nuovo fronte anti-sovranista. Il tema delle alleanze è troppo serio per utilizzarlo quale lanciafiamme verso i governi regionali del PD nel Mezzogiorno a cominciare da Calabria e poi estenderlo a Campania e Puglia, mentre viene declinato in chiave positiva nelle regioni rosse. In Calabria il gruppo parlamentare Movimento 5 stelle esprime inoltre in maniera accentuata una cultura giacobina ed oltranzista su tanti temi fondamentali dalla giustizia alle infrastrutture, dalla sanità, ai rapporti tra le istituzioni dei diversi poteri dello Stato.

Senza un cambio di cultura politica e senza un rinnovamento dei quadri dirigenti pentastellati ogni alleanza in Calabria rischia di soffocare prima del tempo. In questo quadro è allucinante il silenziatore imposto sulla nostra esperienza di governo e la damnatio memoriae decretata dal commissario regionale nei confronti di Mario Oliverio. Abbiamo ereditato una regione allo sfascio in ogni campo. Quando abbiamo intrapreso questa esperienza di governo avevamo i fondi comunitari fermi al palo, gli aeroporti falliti, le ferrovie ferme, le società partecipate invischiate in storie di becero clientelismo, i rifiuti che coprivano i balconi ai primi piani delle case e potremmo continuare per ogni ambito e settore della regione Calabria.

Inchiesta su Oliverio, la Cassazione: «Impianto accusatorio illogico»
Il governatore della Calabria, Mario Oliverio

«Quale sarebbe il candidato al posto di Oliverio?»

Con fatica abbiamo rimesso la Calabria sui binari della crescita, della svolta e del rinnovamento e oggi abbiamo risultati mai raggiunti prima in termini di programmazione e sviluppo delle infrastrutture, di aumento dei flussi turistici, di elevamento dei livelli di innovazione e capacità di spesa dei fondi europei, sicurezza degli edifici pubblici e scolastici, tutela del suolo e del territorio, di una crescita esponenziale degli investimenti per il diritto allo studio e la ricerca. È oltremodo grave che a questa data il commissario non abbia indicato né un nome per un eventuale candidato alternativo a Mario Oliverio e né una proposta di programma e di coalizione elettorale. Il commissario si ostina solo ad insistere sul veto alla ricandidatura del presidente della giunta regionale uscente. 

La proposta del Direzione Provinciale Pd Cosenza

Oltretutto si agita la bandiera del rinnovamento per tentare una mera operazione di sostituismo, anche a costo di determinare una sconfitta elettorale certa e riconsegnare il governo della Calabria al centrodestra dei modelli amministrativi fallimentari. Il rinnovamento nel partito e nella sua rappresentanza istituzionale non può avvenire né per decreto né per cooptazione. Con questi metodi si favoriscono operazioni gattopardesche che nascondono insidie di conservazione. 

Pd Cosenza: «Occhiuto sfiduciato solo per valutazioni politiche»
Il segretario provinciale del Pd di Cosenza, Luigi Guglielmelli

Per questi motivi la Direzione provinciale della Federazione di Cosenza:
ritiene inopportuna in questa fase una alleanza elettorale con il Movimento 5 Stelle; vista la proposta che la maggioranza dei sindaci della Calabria, le associazioni culturali e gli stessi circoli territoriali del pd hanno avanzato per la ricandidatura del presidente della giunta regionale uscente; vista la disponibilità del Presidente Oliverio, comunicata ai sensi dello Statuto del PD nazionale; considerata l’assenza di altri candidati del Pd e della coalizione di centrosinistra; esprimendo un giudizio positivo sull’operato del Governo regionale per come affermato anche dalla Segreteria nazionale: propone formalmente la candidatura di Mario Oliverio alla carica di Presidente della Regione Calabria alle prossime elezioni.

Ritiene indispensabile il ricorso alle elezioni primarie nel caso di diverse candidature. La direzione provinciale, infine, avanza la proposta di adesione del pd alla coalizione elettorale di centrosinistra a cui partecipano già quasi tutte le forze alleate del PD alle ultime elezioni politiche e numerosi movimenti e forze civiche e progressiste fortemente radicati in Calabria. A tal fine la Direzione da mandato al Segretario di partecipare con una delegazione alla convention che la coalizione di centrosinistra ha indetto per il prossimo lunedì 4 novembre a Lamezia Terme, per avviare il confronto nel merito dei contenuti programmatici del programma di governo a sostegno della candidatura di Mario Oliverio.

Tags
Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina