giovedì,Dicembre 1 2022

Rende, gravissime le condizioni dell’uomo, un insegnante in servizio al Nord, che si è dato fuoco stamattina – VIDEO

L'uomo ha riportato gravi ustioni sul 70% del corpo e, dopo essersi stabilizzato verrà trasferito a Napoli. La prognosi resta riservata

Rende, gravissime le condizioni dell’uomo, un insegnante in servizio al Nord, che si è dato fuoco stamattina – VIDEO

L’uomo che questa mattina si è dato fuoco davanti alla caserma dei carabinieri di Rende, è in viaggio in ambulanza verso il centro grandi ustionati di Napoli appena le sue condizioni si stabilizzeranno. Il trentatreenne, di origini crotonesi, dopo il ricovero nel reparto di terapia intensiva dell’Annunziata in prognosi riservata è stato trasferito. Ha riportato ustioni gravi su oltre il settanta per cento del corpo. L’uomo è un insegnante in servizio in Lombardia che da poco aveva fatto rientro in Calabria. Agli investigatori non risultano pregressi di tipo penale, né militanza in gruppi ideologici estremi, dunque, ipotizzano un gesto disperato e del tutto fortuita la scelta del luogo.

Il fatto è avvenuto intorno alle dieci di questa mattina. Davanti alla caserma dei carabinieri, F.C, è sceso dall’auto cospargendosi il corpo di benzina e dandosi alle fiamme. Sul posto si sono recati immediatamente, allertati dai militari dell’Arma, anche i Vigili del Fuoco e la Polizia Municipale. 

Il Personale del 118 è intervenuto con prontezza per salvare la vita all’uomo, che però ha riportato gravi ustioni ed è stato trasportato con urgenza presso l’Ospedale Civile dell’Annunziata di Cosenza. La strada dove si è consumato il drammatico gesto è stata interdetta al traffico dai vigili, in attesa che vengano espletate le formalità di rito.

Leggi anche ⬇️

La dinamica dei fatti

Il fatto si è consumato intorno alle 10. L’uomo è giunto nel luogo indicato a bordo di una seicento gialla ed è sceso dall’autovettura con una tanica di benzina in mano da venti litri. Ha riversato il liquido infiammabile sul suo corpo, mentre i passanti avvertivano i Carabinieri. Dinanzi alla Caserma si è dato fuoco completando un gesto drammatico come pochi. Ad intervenire per primi i dipendenti di un’officina dei paraggi che hanno utilizzato un estintore per domare le fiamme.