venerdì,Agosto 19 2022

Uomo accoltellato a Cittadella del Capo: è stata una spedizione punitiva. E spunta anche una pistola

Alla scena avrebbero assistito dei bambini che in quel momento stavano giocando all'aria aperta e che alla vista di tanta violenza, sarebbero scappati via urlando

Uomo accoltellato a Cittadella del Capo: è stata una spedizione punitiva. E spunta anche una pistola

Ci risiamo. Anche quest’anno, con l’arrivo della bella stagione, si registrano episodi di sangue lungo la costa tirrenica. Ieri sera è accaduto a Cittadella del Capo, frazione marina di Bonifati. In tarda serata, nei pressi del lungomare cittadino, si è verificata una rissa con tanto di coltello e, stando alle testimonianze, pistola. Anche per stavolta la tragedia si è solo sfiorata, ma forse non è più il caso di demandare tutto alla buona sorte. Oltretutto, alla scena avrebbero assistito dei bambini che in quel momento stavano giocando all’aria aperta e che alla vista di tanta violenza, sarebbero scappati via urlando.

Uomo accoltellato a Cittadella del Capo, è stata una spedizione punitiva

Stando a quanto trapelato dalle testimonianze, la lite si sarebbe consumata tra un commerciante del posto e due turisti campani, che poco dopo avrebbero chiamato “rinforzi”. Tutto sarebbe scaturito da un rimprovero dell’esercente di Cittadella del Capo, che chiedeva a due giovani in sella a uno scooter di rallentare, considerato il numero di persone, di cui molti bambini, che in quel momento stavano passeggiando in quel punto.

Leggi anche ⬇️

Il richiamo alla sicurezza, però, non deve essere andato giù agli scooteristi che, poco dopo, si sono presentati al cospetto dell’uomo con alcuni amici e hanno cominciato a massacrarlo di botte. Non senza tirare fuori dalla tasca un coltello e, come sottolinea più di un testimone oculare, una pistola, che fortunatamente non è stata azionata. Da quanto trapelato, nessuno è rimasto ferito in modo grave.

Sulla vicenda indaga la compagnia dei carabinieri di Scalea, territorialmente competente, ma al momento i militari del capitano Andrea D’Angelo mantengono il più stretto riserbo sulla vicenda.

Articoli correlati