giovedì,Febbraio 2 2023

«Degrado totale all’Annunziata di Cosenza», Tavernise (M5S) chiede la revoca del commissario

Il capogruppo grillino in Regione si rivolge ad Occhiuto: «Il Pronto Soccorso si presenta come un coacervo di barelle con pazienti abbandonati a se stessi»

«Degrado totale all’Annunziata di Cosenza», Tavernise (M5S) chiede la revoca del commissario

«Quanto sta accadendo all’ospedale Annunziata di Cosenza palesa un degrado intollerabile che si protrae da tempo ormai. E’ un degrado totale sia gestionale che organizzativo paralizzante soprattutto l’attività in pronto soccorso, ma investente anche i reparti della struttura ospedaliera». Lo afferma in una nota il capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Regione Davide Tavernise.

«L’ospedale Annunziata punto di riferimento importante per tutta la provincia di Cosenza – aggiunge – continua ad avere numeri impietosi e posti letto drammaticamente carenti, per cui il pronto soccorso si presenta, secondo quanto denunciato da numerosi cittadini, come un coacervo di barelle con pazienti abbandonati a se stessi che restano in pronto soccorso piuttosto che trovare posto nei reparti. Il dca n.73 del 13 luglio scorso, attribuisce al commissario gli obiettivi di mandato orientati al soddisfacimento delle improrogabili esigenze dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza e tra questi compare la riorganizzazione e il potenziamento del pronto soccorso».

«A distanza di oltre cinque mesi e mezzo dal conferimento dell’incarico al nuovo commissario – aggiunge Davide Tavernise – la situazione dell’Annunziata non pare diversa dal passato. Tanto non può procrastinarsi, per cui l’intervento del presidente Occhiuto in qualità di commissario ad acta non può non andare verso la revoca dell’incarico. Vero è che sull’Annunziata gravano gli errori di anni di pessima gestione, per cui ad esempio non si è neanche assunto il personale che pur poteva essere assunto, in quanto autorizzato, ma secondo le segnalazioni pervenute oggi si parla addirittura di mancanza di farmaci, di letti fuori uso, persino di mancanza del necessario per i servizi igienici».

Il consigliere regionale rincari quindi la dose. «A tanto si aggiunge la situazione di reparti che nelle ore notturne risultano sottoposti al controllo di un solo infermiere per 30 pazienti. Tutto questo – conclude Tavernise – eccede i problemi straordinari come l’implementazione della medicina territoriale, che aiuterebbe a decongestionare il pronto soccorso, ma attiene a capacità organizzative che continuano a mancare drammaticamente».

Articoli correlati