sabato,Aprile 13 2024

Incidente mortale a Scalea: la vittima è Amedeo Marino, giovane ristoratore

Il 24enne ha perso la vita nello scontro di questa mattina con un'altra auto. Feriti l'amico che viaggiava con lui e il conducente del mezzo che proveniva dal senso di marcia opposto

Incidente mortale a Scalea: la vittima è Amedeo Marino, giovane ristoratore

Nella foto del profilo Facebook tiene tra le mani un crostaceo, vestito da chef, nella cucina di un ristorante, mentre nell’immagine di copertina, ancora giovanissimo, è ritratto con la famiglia mentre festeggia un’occasione importante, allegro e sorridente, brindando con un calice di spumante. Oggi quelle immagini di spensieratezza, assumono un significato diverso e sono un pugno in volto a quanti gli hanno voluto bene. Amedeo Marino, 24 anni appena, ha perso la vittima questa mattina all’alba nell’ennesimo incidente mortale avvenuto sulle strade calabresi.

Il giovane stava percorrendo le vie di località La Bruca, a Scalea, quando, per cause ancora in corso di accertamento, ha perso il controllo del mezzo su cui viaggiava, una Smart, scontrandosi con un’altra auto. L’impatto è risultato fatale. Per il giovane non c’è stato nulla da fare. Ferito l’amico che era con lui, così come il conducente della vettura che proveniva dal senso opposto di marcia.

Chi era Amedeo Marino

Il giovane era originario di Papasidero, come si legge sui suoi social, ma da qualche tempo lavorava in un ristorante a Cirella, frazione di Diamante. Questa mattina, all’alba, stava viaggiando a bordo della sua auto insieme a un amico, ma forse le cattive condizioni dell’asfalto, reso ruvido dalla pioggia caduta nella notte, hanno fatto perdere aderenza al mezzo, facendolo sbandare. Il tragico impatto è avvenuto poco prima delle 6. All’arrivo dei soccorsi, il 24enne era già deceduto.

Il dolore degli amici

La notizia ha fatto subito il giro del web. Sul profilo Facebook della vittima, amici e conoscenti in queste ore stanno lasciando un ricordo, una frase, per augurare “buon viaggio” al giovane chef. «Ma che hai combinato Amedè – scrive un utente -, mi mancherai tanto». «Riposa in pace – scrive un altro -, che la terra ti sia lieve amico mio».

Articoli correlati