mercoledì,Luglio 17 2024

Rita Adamo: «Azioni culturali per rivitalizzare il centro storico di Cosenza» | VIDEO

La sua associazione "La rivoluzione delle Seppie" ha vinto il bando di Agenda Urbana e ha il compito di mettere in rete tutte le realtà sociali del quartiere

Featured Video Play Icon

Parla di un Welfare culturale per risollevare le sorti del centro storico. Rita Adamo, cofondatrice dell’associazione culturale “La rivoluzione delle seppie” spiega a Cosenza Channel i progetti che l’associazione sta portando avanti grazie ai finanziamenti di Agenda Urbana.

Rivoluzione delle Seppie è un’associazione nata nel 2017 a Londra, su iniziativa di alcuni studenti di architettura di diverse nazionalità. Il collettivo ha deciso di passare dalla teoria alla pratica provando ad applicare molti concetti di rigenerazione urbana in un piccolo centro come il centro storico di Belmonte Calabro. Qui sono stati portati avanti alcuni laboratori culturali e un cantiere nel quale si riuniva il collettivo internazionale insieme ai residenti del posto. Esperienza simile adesso si vorrebbe replicare nel centro storico di Cosenza. Come detto l’associazione ha vinto il bando di Agenda Urbana per fare da raccordo a tutte le iniziative culturali che insistono nella città vecchia.

Per questo come prima cosa quelli delle Seppie hanno fatto una sorta di mappatura delle realtà e associazioni che operano nel quartiere, ma anche delle botteghe e dei vari punti di interesse. Il loro lavoro è quello di aiutarli a far uscire fuori dai confini del quartiere queste attività, attraverso il coinvolgimento dei residenti. Così nel quartiere di Santa Lucia, ad esempio, è stato chiamato ad operare un artista educatore di Lodi, Roberto Alfano, che ha realizzato un laboratorio artistico che ha visto la partecipazione attiva dei bambini della zona. Ne è nato uno spazio definito baracca 3 (l’artista chiama baracche le sue realizzazioni) che ha funzionato per un mese circa, poi è stato distrutto. Ma anche questo, dice la Adamo, è un segno positivo perché significa che la nostra attività non è passata inosservata.

Altra iniziativa si è fatta anche ai Revocati, anche qui in collaborazione con alcune realtà del quartiere come la Bottega di Lelé e altre. Tre giorni di laboratori artistici e creazioni che hanno coinvolto anche i residenti. L’idea di fondo è quella di realizzare eventi per ogni punto d’interesse di Cosenza vecchia in modo da creare delle micro comunità che si incontrano in questi happening. L’idea ossessiva è quella di fare rete. Anche per questo motivo è stato creato un portale che offre un censimento delle associazioni che operano nei quartieri e il calendario delle iniziative che sono in programma.

Articoli correlati