Giudiziaria

Le “cantate” di Celestino Abbruzzese inguaiano i fratelli sull’omicidio Bruni

Il collaboratore di giustizia Celestino Abbruzzese riscrive l'omicidio di Luca Bruni, incolpando anche il fratello Marco Abbruzzese.

L’operazione antimafia “Testa del Serpente”, coordinata stamane dalla Dda di Catanzaro, rivela un altro scenario sull’omicidio di Luca Bruni, l’ultimo boss della famiglia “Bella bella”, ucciso da Daniele Lamanna e Adolfo Foggetti nel 2012 a Castrolibero. Grazie alle dichiarazioni del collaboratore di giustizia, Celestino Abbruzzese – meglio conosciuto come Claudio o “Micetto” – i magistrati antimafia hanno scoperto che la famiglia Abbruzzese avrebbe partecipato direttamente all’esecuzione del fratello di Michele Bruni. Le parole di Celestino Abbruzzese infatti inguaiano soprattutto Marco Abbruzzese, detto lo “struzzo”, che secondo il racconto del pentito era sulla scena del delitto. Dichiarazioni importanti, dunque, rispetto a un fatto di sangue che sembrava chiuso dopo le condanne di Franco Bruzzese, Maurizio Rango, Daniele Lamanna e Adolfo Foggetti.

La collaborazione dell’ex narcotrafficante di Cosenza Vecchia ha inferto un duro colpo al clan “Rango-zingari”. Grazie alle sue “cantate”, oggi la Dda di Catanzaro ferma 18 persone a Cosenza. Racconti di malavita che vanno dallo spaccio di droga alle estorsioni commesse ai danni dei commercianti e imprenditori della città di Cosenza. Tra gli indagati, infine, anche un poliziotto della Questura di Cosenza che avrebbe confidato a Celestino Abbruzzese il pentimento di Marco Paura, condannato nel processo “Job Center”. Una collaborazione con la giustizia piena e credibile, secondo i magistrati, che in futuro potrebbe regalare colpi di scena anche sui temi dei grandi appalti pubblici nell’area urbana cosentina.

Le persone fermate dalla Dda di Catanzaro

Il decreto di fermo di indiziato di delitto riguarda Roberto Porcaro, ritenuto uno dei capi della cosca “Lanzino” di Cosenza e recentemente assolto in secondo grado nel processo sulla morte di Luca Bruni, Luigi Abbruzzese, Marco Abbruzzese, Nicola Abbruzzese e Francesco Abbruzzese, ritenuti i vertici della cosca “Rango-zingari” di Cosenza, nonché fratelli di Celestino Abbruzzese, Danilo Turboli, Alberto Turboli, Andrea Greco, Carlo Drago, Antonio Marotta, Francesco Casella, Domenico Celebre, Giovanni Drago, Silvia Guido, Andrea D’Elia, Pasquale Germano, Franco Abbruzzese detto “brezza”, Antonio Bevilacqua, Antonio Colasuonno, Claudio Alushi e Adamo Attento.

Tags
Mostra altro

Antonio Alizzi

Giornalista professionista dal 13 giugno del 2012. Dal 2002 al 2006 ho lavorato con "La Provincia Cosentina", curando le pagine del calcio dilettantistico. Nel 2006 passo al quotidiano regionale "Calabria Ora", successivamente "L'Ora della Calabria", in servizio presso la redazione sportiva. Mi sono occupato del Cosenza calcio e delle notizie di calciomercato. Nel 2014, inizio l'avventura professionale con il quotidiano nazionale "Cronache del Garantista", scrivendo per la cronaca giudiziaria nel Distretto di Catanzaro. Ora collaboro con Cosenza Channel e due riviste nazionali.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina