Giudiziaria

Cosenza, omicidio Luca Bruni: assolto Francesco Patitucci

Francesco Patitucci assolto nel processo di secondo grado per l'omicidio di Luca Bruni. Per i giudici non è il mandante del delitto di mafia.

La Corte d’Assise d’Appello di Catanzaro si è espressa sulle richieste avanzate sia dalla procura generale di Catanzaro sia dal collegio difensivo, nell’ambito del processo sulla morte di Luca Bruni, ucciso in un agguato di mafia da Daniele Lamanna e Adolfo Foggetti. Tra i mandanti c’era Maurizio Rango, condannato all’ergastolo in via definitiva ma da oggi non c’è invece Francesco Patitucci, assolto dai giudici di secondo grado così come richiesto dagli avvocati difensori Marcello Manna e Luigi Gullo. Confermata inoltre l’assoluzone di Roberto Porcaro, difeso dagli avvocati Luca Acciardi e Sergio Rotundo.

Francesco Patitucci in primo grado, svoltosi col rito abbreviato, aveva subito una condanna a 30 anni di carcere, in quanto la Dda di Catanzaro riteneva che avesse deliberato l’omicidio dell’ultimo boss della famiglia “Bella bella” di Cosenza insieme a Franco Bruzzese e per l’appunto Rango. Tesi accusatoria invece ribaltata in Appello. Gli avvocati di Patitucci infatti hanno smontato pezzo dopo pezzo le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia.

La procura generale, rappresentata in udienza dal sostituto procuratore generale Raffaella Sforza aveva chiesto la conferma della sentenza di primo grado ed oggi aveva finanche controreplicato alle discussioni difensive, evidenziando quanto ricostruito dall’ufficio inquirente coordinato dal procuratore capo Nicola Gratteri. In attesa di leggere le motivazioni della sentenza, di sicuro le ultime dichiarazioni di Celestino Abbruzzese hanno modificato il prospetto accusatorio, facendo chiarezza sul fatto di sangue. Per effetto di questa sentenza Francesco Patitucci sarà scarcerato.

Tags
Mostra altro

Antonio Alizzi

Giornalista professionista dal 13 giugno del 2012. Dal 2002 al 2006 ho lavorato con "La Provincia Cosentina", curando le pagine del calcio dilettantistico. Nel 2006 passo al quotidiano regionale "Calabria Ora", successivamente "L'Ora della Calabria", in servizio presso la redazione sportiva. Mi sono occupato del Cosenza calcio e delle notizie di calciomercato. Nel 2014, inizio l'avventura professionale con il quotidiano nazionale "Cronache del Garantista", scrivendo per la cronaca giudiziaria nel Distretto di Catanzaro. Ora collaboro con Cosenza Channel e due riviste nazionali.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina