giovedì,Agosto 18 2022

Ecologia Oggi, i sindacati annunciano battaglia

Lo stipendio dimezzato che Ecologia Oggi ha versato ai suoi dipendenti rischia di mandare in tilt la raccolta dei rifiuti a Cosenza. Francesco Piro (Fp Cgil), Gianluca Campolongo (Fit Cisl) e Mario Litrenta (Uil Trasporti) lo lasciano intuire in una nota in cui annunciano che i tre sindacati sono pronti a ogni forma di mobilitiazione

Ecologia Oggi, i sindacati annunciano battaglia

Lo stipendio dimezzato che Ecologia Oggi ha versato ai suoi dipendenti rischia di mandare in tilt la raccolta dei rifiuti a Cosenza. Francesco Piro (Fp Cgil), Gianluca Campolongo (Fit Cisl) e Mario Litrenta (Uil Trasporti) lo lasciano intuire in una nota in cui annunciano che i tre sindacati sono pronti a ogni forma di mobilitiazione per tutelare i diritti dei lavoratori dell’azienda di Eugenio Guarascio. I ritardi nei pagamenti, scrivono i tre, vanno avanti ormai da mesi. E per gli operai – in gran parte privi di altri redditi – diventa sempre più difficile provvedere al proprio sostentamento e a quello delle loro famiglie.

Ecologia Oggi, spiegano i sindacalisti, attribuisce i suoi ritardi a quelli di Palazzo dei Bruzi nel versarle le somme previste dall’appalto. Ma per i tre questa non può essere una giustificazione accettabile. «I lavoratori non sono dipendenti del Comune di Cosenza, né tantomeno pensiamo che Ecologia Oggi sia un’azienda di lavoro interinale o in Ati con lo stesso Comune per svolgere il servizio di raccolta e spazzamento rifiuti», prosegue la nota.

I salari in ritardo, con l‘emergenza coronavirus in corso, possono avere «risvolti sociali drammatici»: senza soldi i dipendenti faticano perfino ad acquistare i beni di prima necessità. Da qui l’aut aut di Cgil, CIsl e Uil: o l’azienda salda immediatamente gli arretrati e assicura la puntualità dei futuri stipendi o sarà mobilitazione.

Articoli correlati