domenica,Aprile 14 2024

Diciassettenne violentata dall’amico di famiglia, il Dna lo incastra

La vittima lo aveva denunciato lo scorso ottobre, ma decisivi per la Procura di Avellino sono stati i risultati dell'esame genetico arrivati di recente

Diciassettenne violentata dall’amico di famiglia, il Dna lo incastra

Era un amico di famiglia, la persona di cui si fidavano, ma avrebbe approfittato del proprio ruolo privilegiato per stuprare la loro figlia diciassettenne. E’ accaduto lo scorso ottobre ad Altavilla Irpina, in provincia di Avellino, ma l’uomo è stato arrestato solo nelle scorse ore. A seguito della denuncia presentata dalla vittima nell’immediatezza, infatti, la Procura aveva disposto l’esame del Dna. I risultati sono giunti nei giorni scorsi e, a quanto pare, hanno confermato i sospetti.

I fatti contestati sarebbero avvenuti mentre l’uomo si trovava da solo con la minore, in un momento in cui il padre e la madre non erano presenti. La ragazza si era oiu confidata coi genitori, che si erano quindi rivolti alle forze dell’ordine per sporgere denuncia insieme a lei. Erano stati avviati gli accertamenti del caso ed era stato aperto un fascicolo, affidato al pm Cecilia Annechini. Il 58enne era stato iscritto nel registro degli indagati e, difeso dall’avvocato Raffaele De Vita, aveva negato ogni addebito.

Articoli correlati