lunedì,Luglio 22 2024

Cosenza, nuovi asili nido in tutta la provincia. Stanziati 19 milioni per 23 comuni e 820 posti | L’ELENCO

irmato il 3 maggio scorso dal ministro Valditara il decreto che prevede fondi per 735 milioni di euro totali destinati alla realizzazione di strutture o alla riconversione di vecchi immobili. Pubblicate in questi giorni le graduatorie degli enti beneficiari

Cosenza, nuovi asili nido in tutta la provincia. Stanziati 19 milioni per 23 comuni e 820 posti | L’ELENCO

Quasi 54 milioni di euro per gli asili nido calabresi, più di 19 milioni in provincia di Cosenza dove sono destinatari 23 comuni. Sono i numeri della nostra regione relativi aal nuovo piano da 734,9 milioni di euro. Il ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara ha firmato il 3 maggio scorso il decreto che prevede risorse, provenienti da fondi Pnrr, per cercare di allineare l’Italia agli obiettivi europei in tema di servizi per la prima infanzia. 

Dopo aver mancato già nel 2010 il “goal” fissato dall’Ue al 33% di copertura, raggiungendo appena un 27,2% di bambini al di sotto dei tre anni che trovano posto nei nidi comunali, il nostro Paese si trova adesso a tentare di raggiungere un’asticella fissata ancora più in alto: il 45% entro il 2030. Un gap che il Governo sta cercando di colmare grazie al Piano nazionale di ripresa e resilienza dal quale erano già arrivati 4,6 miliardi per nidi e scuole d’infanzia

Una cifra della quale alla Calabria era andata una fetta da 220 milioni di euro, a cui ora si aggiungono le risorse previste nel nuovo decreto: 53 milioni 992 mila euro per 70 comuni inseriti in graduatoria tra quelli che hanno risposto all’avviso pubblico del 15 maggio scorso. In provincia di Cosenza, come detto, sono 23 i comuni beneficiari e la cifra stanziata è di poco superiore ai 19 milioni di euro per i nuovi asili nido. I posti ulteriori messi a disposizione della cittadinanza saranno in tutto 820.

I fondi e la finalità del finanziamento

Secondo gli ultimi dati rilevati nella nostra regione meno del 12% della popolazione al di sotto dei 3 anni riesce a usufruire dei servizi comunali: poco più di 5200 a fronte di 44mila residenti.  Il decreto firmato da Valditara, sulla base dei dati Istat, aveva definito i criteri di riparto dei fondi tra i Comuni, che serviranno alla realizzazione e costruzione di nuovi asili nonché alla riconversione di immobili prima destinati ad altri usi. Ecco quelli individuati: presenza di almeno 60 bambini al di sotto dei 3 anni; copertura del servizio inferiore al 33%. 

I fondi derivano in parte da economie del precedente Piano ma anche da fondi ulteriori recuperati nel bilancio del Ministero. «Si tratta di un investimento a cui attribuiamo un valore strategico per la qualità del sistema scolastico, e non solo. Il nostro obiettivo è ampliare un servizio fondamentale per ridurre le disparità dei punti di partenza, venendo incontro nel contempo alle esigenze delle famiglie e in particolare delle donne, a cui offriamo uno strumento in più per la conciliazione tra lavoro e maternità», aveva dichiarato il ministro Valditara in occasione della firma del decreto. 

Tra i beneficiari, anche aggregazioni di comuni, riuniti sotto un ente capofila, che in questo modo sono riusciti a raggiungere i criteri necessari a partecipare al bando.  Ecco tutti i centri calabresi in graduatoria, provincia per provincia, con l’indicazione dei posti da realizzare e le cifre che saranno finanziate per la realizzazione dei progetti.  

Provincia di Cosenza e possibili finanziamenti per i nuovi asili nido

  • Acri, 42 posti, 1. 008. 000 euro
  • Amantea, 30 posti, 720. 000 euro
  • Amendolara, 24 posti, 576. 000 euro
  • Bisignano, 28 posti, 672. 000 euro
  • Cariati, 24 posti, 576. 000 euro
  • Casali del Manco, 32 posti, 768. 000 euro
  • Corigliano-Rossano, 126 posti, 3. 024. 000 euro
  • Cosenza, 108 posti, 2. 592. 000 euro
  • Crosia, 28 posti, 672. 000 euro
  • Francavilla Marittima, 24 posti, 480. 000 euro
  • Fuscaldo, 28 posti, 560. 000 euro
  • Lattarico, 28 posti, 672. 000 euro
  • Montalto Uffugo, 36 posti, 864. 000 euro
  • Rocca Imperiale, 24 posti, 576. 000 euro
  • Roggiano Gravina, 20 posti, 400. 000 euro
  • San Giovanni in Fiore, 36 posti, 720. 000 euro
  • San Lorenzo del Vallo, 20 posti, 480. 000 euro
  • San Lucido, 24 posti, 576. 000 euro
  • Scalea, 30 posti, 720. 000 euro
  • Spezzano della Sila, 28 posti, 560. 000 euro
  • Terranova da Sibari, 28 posti, 672. 000 euro
  • Tortora, 28 posti, 672. 000 euro
  • Trebisacce, 24 posti, 576. 000 euro

Articoli correlati