Tutte 728×90
Tutte 728×90

Roselli il “Santo” fa miracoli tra febbraio e aprile: era già tutto scritto

L’allenatore del Cosenza anche a Pavia nel 2012 fece filotto nello stesso periodo ottenendo risultati molto simili a quelli attuali. Pure in Lombardia blindò la retroguardia e conquistò una salvezza insperata.
roselli mani in tascaGiorgio Roselli nei minuti conclusivi della sfida con il Lecce domenica (foto mannarino)
Ha ragione Roselli: già dal derby di Catanzaro c’era l’impressione che il tutto avesse iniziato a girare per il verso giusto. Al Ceravolo il Cosenza è andato ko in maniera immeritata dopo aver fallito un gol incredibile con Statella, azione che sarà ricordata ancora per tanto tempo, e colto una traversa con Arrigoni. Quella sconfitta, per dirla un po’ come l’allenatore della Roma Garcia, ha dato la consapevolezza che i rossoblù avrebbero centrato il proprio obiettivo. Nelle cinque gare successive soltanto il Matera ha fatto meglio dei silani, ma è caduto proprio al San Vito in un match dove Auteri ha avuto poco da recriminare. A segnare inesorabilmente il cambio di rotta è stata la retroguardia, mai così granitica e mai così coordinata con il centrocampo. Il segreto di Roselli detto “Il Santo” è proprio questo. Ma il trainer umbro anche a Pavia nel 2012, anno del suo capolavoro più grande, infilò un’impressionante striscia di risultati utili consecutivi che tirarono fuori definitivamente i lombardi dalle sabbie mobili della classifica. Casualità o meno, il periodo coincide perfettamente con quello attuale. Alla guida dei biancazzurri, dopo qualche gara di assestamento e due pareggi consecutivi, iniziò a sbaragliare la concorrenza il 25 febbraio nel match contro la Spal (in Calabria ha iniziato il 21…). La striscia in tutto durò otto partite in cui il Pavia conquistò la bellezza di 18 punti subendo appena tre reti nelle ultime sei sfide: un dato pazzesco che a distanza di tre anni si è riproposto. Perso un turno infrasettimanale a Benevento, la corsa riprese spedita fino alla fine con altre due vittorie e due pareggi. I numeri, che nel calcio mentono di rado, stanno confermando un trend molto simile a Cosenza… che intanto ha capito una cosa: con Roselli i miracoli si fanno tra febbraio e aprile. Amen.
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it