Cosenza Calcio

Cosenza-Crotone, altro caso Muntari. Derby a Stroppa, rabbia Braglia (0-1)

Messias risolve il derby e lancia il Crotone all'inseguimento della Serie A. Il Cosenza urla rabbia per un gol non convalidato a Sciaudone.

Il Cosenza e il “Marulla” non sono più tabù per il Crotone. Nella scorsa settimana Pasquale Apa dal suo osservatorio di Rocca di Neto aveva parlando di una formazione pitagorica in forma. Le imprecisioni del Cosenza sono tutt’ora un capitolo non chiuso di questa stagione, senza dimenticare la clamorosa svista nel secondo tempo di Abbattista che non vede un gol regolarissimo di Daniele Sciaudone.

Al “Marulla” basta un gol di Messias, che fa salire la sua squadra al terzo posto. I Lupi hanno iniziato nel modo peggiore il 2020, ripetendo una serie di lacune ancora aperte e per certi versi drammatici. Immancabili i cori contro il presidente Eugenio Guarascio che, per il momento, ha ingaggiato solo Asencio, mentre centrocampo e difesa ancora non hanno avuto alcun ritocco. La notta è gelida al “Marulla”, ma è anche tremendamente scura. 

Le scelte di Braglia e Stroppa… 

Braglia inaugura il 2020 ripescando nel cassetto dei ricordi. Il 3-5-2, modulo che fece le fortune dei Lupi due anni fa, torna di moda. Con una coppia offensiva nuova, più votata all’intensità e all’estro creativo. Machach e Rivière, ovviamente. A centrocampo ritorna il regista Kanouté, affiancato da Bruccini e Broh. Dalla parte opposta Giovannino Stroppa risponde allo stesso modo. In attacco vengono impiegati Messias e Simy. Barberis gestisce il gioco a centrocampo, mentre Molina e Mazzotta aggrediscono sulle fasce.

Crotone più quadrato, Cosenza poco incisivo

Il Cosenza procede a due marce. La superiorità tecnica a centrocampo non congela le mosse dei silani. In fase di impostazione non ci sono grandi problemi, ma il vero problema del Cosenza rimane l’attacco. Errori davvero grossolani in fase di finalizzazione e gravi, ribadiamo, gravi imprecisioni nella fase di non possesso. Il gioco in verticale premia i padroni di casa, ma negli ultimi undici metri le cose non vanno per il verso giusto. Cordaz al 12esimo mostra la sua grinta nel respingere sul palo il tiro ravvicinato di Rivière.

Passano i minuti ed emerge chiaramente che il vero guaio del Cosenza, oltre alla facilità del Crotone di sfruttare gli spazi, è la vistosa scollatura tra il centrocampo e la difesa. Messia, infatti, al primo tiro verso lo specchio della porta, supera Perina sfruttando a dovere un calcio di punizione dalla destra. Il centrocampo del Cosenza, nel tentativo di reagire, si dimostra incapace di reggere l’alto pressing della formazione allenata da Giovanni Stroppa. Messias incute timore nuovamente a Perina al 25’. Per il Cosenza, invece, un tiro alto di Kanouté al 33’ e un clamoroso errore sotto porta al 43’ di Bàez

La porta maledetta, nuovo gol fantasma

Il calcio come la vita, dà e toglie. Regala la vittoria del Cosenza nella gara contro l’Empoli, dopo che i toscani avevano realizzato il gol del pari con Ricci e condanna la formazione di Braglia oggi quando al 28’ Sciaudone incorna di testa da due passi e Cordaz respinge il pallone quando la palla era già dentro. Abbattista non vede, così come il suo assistente di linea Non vedo, non parlo, non sento. Ma l’arbitro, in pessima giornata, non toglie dal taschino il secondo cartellino giallo all’indirizzo di Marrone, “graziato” per tre volte dal fischietto di gara della sezione di Molfetta.

Il “gol-non-gol” anima il Cosenza. Braglia mette dentro anche Carretta, mentre Stroppa pensa più ad equilibrare la squadra. Al 40’ Machach tira una sventola dai 30 metri che Cordaz, devia in calcio d’angolo. Finisce 0-1 dopo cinque minuti di recupero. La prima del 2020 è andata. Ora il calciomercato, altrimenti sarà notte fonda.

Tags
Mostra altro

Giulio Cava

Nato a Cosenza il 24 giugno ai titoli di coda del Novecento. Scrivo dal novembre 2013 di sport e attualità. Ho iniziato a Parola di Vita. Collaboro a Cosenza Channel dal luglio 2017, dopo averlo letto da quando ero piccolo. La prima volta allo stadio in tribuna stampa, da cui mi sono separato pochissime volte. Ho frequentato lo scientifico, studio scienze politiche all'Università della Calabria. Amo il calcio, quello umile. Aspiro a diventare giornalista...forse si...forse no...

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina