venerdì,Luglio 1 2022

Hotel Michelangelo requisito. E’ l’albergo del calciomercato del Cosenza

E’ l’albergo dove il Cosenza strappò le firme di Okereke e Tutino. L’Hotel Michelangelo di Milano è la sede del calciomercato rossoblù, quartier generale delle ultime sei sessioni. E’ lì che il ds Stefano Trinchera ha imbastito le trattative che hanno caratterizzato le ultime tre estati e gli ultimi tre inverni. La struttura sarà requisita dal comune meneghino per garantire

Hotel Michelangelo requisito. E’ l’albergo del calciomercato del Cosenza

E’ l’albergo dove il Cosenza strappò le firme di Okereke e Tutino. L’Hotel Michelangelo di Milano è la sede del calciomercato rossoblù, quartier generale delle ultime sei sessioni. E’ lì che il ds Stefano Trinchera ha imbastito le trattative che hanno caratterizzato le ultime tre estati e gli ultimi tre inverni. La struttura sarà requisita dal comune meneghino per garantire un adeguato isolamento alle persone in quarantena con sintomi lievi. Parliamo di Coronavirus, ovviamente.

Requisito l’Hotel Michelangelo di Milano

A Milano si sta lavorando da giorni su un terreno che è diventato indispensabile. In Lombardia la situazione è drammatica e non bastano gli ospedali. Serve una rete di territorio per i positivi con sintomi lievi. Serve per le persone in quarantena che possono contagiare i familiari, per i tanti lavoratori esposti a rischi. «Guardando i dati, talvolta i veri focolai sono purtroppo gli ospedali stessi e i contesti familiari. E’ lì la frontiera dell’emergenza, è lì dove oggi siamo più deboli in Lombardia». Ad affermarlo è l’assessore all’Urbanistica di Milano Pierfrancesco Maran. «Per questo abbiamo presentato alle autorità (Prefetto, Regione, ATS) un progetto dettagliato. Questo non è il tempo in cui ognuno si limita alla sua parte, tutti dobbiamo fare tutto quello che possiamo fare perché prima vengono le persone. Partiamo con la requisizione (condivisa con la proprietà che è guidata da persona con spiccata sensibilità sociale) dell’Hotel Michelangelo (Stazione Centrale)».

Il perché del provvedimento

L’Hotel Michelangelo ha 300 camere ed è al centro di un sistema di decine di alberghi. Questi potrebbero essere altresì requisiti per ampliare i servizi nel caso. «Il progetto presentato – continua Maran – ha un modello di gestione che consente di partire già nella settimana entrante. La struttura garantisce condizioni di isolamento per persone in quarantena con sintomi lievi e deve avere un programma medico evidentemente da approvare da parte delle autorità sanitarie.

Articoli correlati