GiudiziariaIn evidenza home

Agguato di mafia a Cassano, chi è la vittima freddata col kalashnikov

Ucciso Francesco Elia, figlio di Alfredo, anch'egli giustiziato dalla 'ndrangheta della Sibaritide negli anni '90. Indagini verso la Dda.

Si chiama Francesco Elia, 40 anni, la vittima dell’agguato di mafia consumatosi oggi a Cassano Ionio, alle prime luci dell’alba. L’omicidio è avvenuto in una zona agricola di contrada Lauropoli, nota per essere il feudo del clan degli “zingari” di Cassano Ionio, dominanti nella Sibaritide. Francesco Elia, secondo quanto si apprende, era in compagnia di un ragazzo rumeno, ferito e trasportato in ospedale a Cosenza.

Francesco Elia era il figlio di Alfredo Elia, giustiziato negli anni 90′ insieme a Domenico Schifini. All’epoca, per il duplice omicidio, fu arrestato e condannato in primo grado il boss Leonardo Portoraro, a sua volta ammazzato a Villapiana nel 2018. In secondo grado, invece, lo storico esponente della criminalità organizzata cosentina, venne assolto dai due delitti di sangue, ma condannato per il reato associativo.

Anche Francesco Elia aveva precedenti penali, relativi anche a reati associativi, ed è per questo motivo, ma soprattutto per le modalità di esecuzione, che i carabinieri della Compagnia di Corigliano, diretti dal capitano Cesare Calascibetta, presente sul posto, ritengono che si tratti di un omicidio di stampo mafioso, il terzo negli ultimi due anni, dopo quelli di Leonardo Portoraro, Francesco Romano e Pietro Greco. L’inchiesta è destinata alla Dda di Catanzaro.

Tags
Mostra altro

Antonio Alizzi

Giornalista professionista dal 13 giugno del 2012. Dal 2002 al 2006 ho lavorato con "La Provincia Cosentina", curando le pagine del calcio dilettantistico. Nel 2006 passo al quotidiano regionale "Calabria Ora", successivamente "L'Ora della Calabria", in servizio presso la redazione sportiva. Mi sono occupato del Cosenza calcio e delle notizie di calciomercato. Nel 2014, inizio l'avventura professionale con il quotidiano nazionale "Cronache del Garantista", scrivendo di cronaca giudiziaria. Ora collaboro con Cosenza Channel e due riviste nazionali.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina