martedì,Agosto 9 2022

Cosenza, i pregi ed i difetti delle palle inattive

La squadra di Occhiuzzi sfrutta poco le palle inattive offensive. Soltanto due gol, di cui una autorete, sono il bottino del Cosenza nel girone di andata. Nessun rigore a favore e sei contro non possono essere solo riconducibili ad errori arbitrali. Su palla inattiva a favore solo due gol segnati (e di questi uno è

Cosenza, i pregi ed i difetti delle palle inattive

La squadra di Occhiuzzi sfrutta poco le palle inattive offensive. Soltanto due gol, di cui una autorete, sono il bottino del Cosenza nel girone di andata. Nessun rigore a favore e sei contro non possono essere solo riconducibili ad errori arbitrali.

Su palla inattiva a favore solo due gol segnati (e di questi uno è un’autorete di Paletta nella trasferta di Monza). Una miseria se si pensa che ci sono squadre che, da palla inattiva, riescono a trarne grandi benefici. Rigori a favore? Nessuno. Ed anche questo è un dato preoccupante che non può essere riconducibile solo ad una “disattenzione” arbitrale.

E su calcio d’angolo? Purtroppo nessun gol a testimonianza di come, soprattutto sulle palle inattive, il Cosenza deve necessariamente migliorare. Di contro, sui gol subiti si segnalano due reti subite da calcio d’angolo e nessuna da palla inattiva centrale o laterale.

Il dato, però, che preoccupa riguarda i rigori contro. Ben sei quelli assegnati agli avversari. Per fortuna tra i due parati da Falcone, i tre sbagliati da Coda, Vido e Diaw, sono soltanto due le reti subite dagli undici metri.