giovedì,Febbraio 22 2024

Estorsione mafiosa, Renato Falbo torna in libertà dopo sette mesi

La Cassazione aveva annullato con rinvio l'ordinanza cautelare evidenziando l'assenza della gravità indiziaria rispetto alle condotte tenute dall'indagato

Estorsione mafiosa, Renato Falbo torna in libertà dopo sette mesi

Il tribunale del Riesame di Catanzaro, dopo l’annullamento con rinvio della Cassazione, ha revocato gli arresti domiciliari a Renato Falbo. Si tratta di uno degli indagati della maxi inchiesta contro la ‘ndrangheta cosentina coordinata dalla Dda di Catanzaro. Nel caso in esame, Renato Falbo è accusato di estorsione mafiosa in concorso con Gianluca Maestri e Roberto Olibano junior.

Leggi anche ⬇️

Per la Dda di Catanzaro i tre indagati avrebbero chiesto il “pizzo” a un parrucchiere cosentino. La Cassazione però aveva accolto il ricorso dell’avvocato Pietro Sammarco, difensore di Falbo. Gli ermellini nella motivazione avevano evidenziato la mancanza di gravità indiziaria rispetto alle condotte tenute dall’indagato. Il Riesame ha condiviso le argomentazioni della Cassazione, accogliendo il reclamo difensivo. Renato Falbo torna in libertà dopo sette mesi.

Articoli correlati