Serie B

Catania e Siena, stavolta è finita davvero. Dal Tar ultimo no ai ripescaggi

Resta la decisione del Collegio di garanzia dello sport in tema di ripescaggi dell’11 settembre, che ha confermato il format del campionato di Serie B a 19 squadre.

Resta la decisione del Collegio di garanzia dello sport in tema di ripescaggi dell’11 settembre, che ha confermato il format del campionato di Serie B a 19 squadre. Lo ha deciso il Tar del Lazio con un’ordinanza, respingendo le richieste con le quali il Catania sollecitava la sospensione – e il successivo annullamento in sede di giudizio di merito – del collegio sportivo. Il Tar, premettendo che “nell’ambito della presente fase cautelare caratterizzata dalla sommarietà della cognizione, ai fini dell’accoglimento della domanda cautelare, devono sussistere cumulativamente i due presupposti normativamente previsti del fumus boni iuris e del periculum in mora, tanto che la mancanza di uno solo dei predetti requisiti preclude al giudice amministrativo l’adozione di una qualunque misura cautelare”, ha ritenuto che “il ricorso non soddisfa più le necessarie condizioni di procedibilità in quanto la società istante non risulta che abbia ancora impugnato la decisione assunta dal Tribunale federale nazionale del 28 settembre con riferimento al format del campionato di Serie B”. E “con riferimento invece al profilo del danno grave ed irreparabile (periculum in mora), vanno poi valutate le conseguenze che, alla luce dell’attuale situazione di fatto, un’eventuale decisione di accoglimento della domanda cautelare proposta con il ricorso in esame potrebbe provocare con riferimento a tutti gli interessi in gioco nella vicenda di che trattasi”. Ad avviso dei giudici amministrativi, “proprio comparando gli opposti interessi (ovvero quello della ricorrente a partecipare al campionato di Serie B e quello delle parti resistenti a non compromettere il regolare svolgimento, non solo del campionato di Serie B, ma anche di quello di Lega Pro), sembra prevalere quello finalizzato a garantire il regolare svolgimento delle competizioni sportive, anche in ragione del fatto che i due campionati risultano ormai in corso di svolgimento da più giornate”; e che “peraltro, l’auspicata acquisizione del titolo a partecipare al campionato di Serie B, allo stato, non costituisce una conseguenza immediata dell’eventuale accoglimento nel merito delle domande proposte con il ricorso in esame”.

NO ANCHE AL SIENA – Il Tar del Lazio dice “no” alla sospensione delle delibere assunte dall’Assemblea della Lega di Serie B di calcio il 10 e il 30 luglio sul blocco dei ripescaggi e il calendario del campionato. L’ha deciso il Tar del Lazio, con un’ordinanza con la quale ha respinto le richieste proposte dalla società Robur Siena. Il Tar ha considerato che: “Il ricorso non soddisfa più le necessarie condizioni di procedibilità in quanto la società istante, all’odierna camera di consiglio, ha, da un lato, rinunciato all’unico motivo contenuto nell’impugnativa in esame e, dall’altro, ha chiesto, sempre in camera di consiglio, l’applicazione immediata del decreto legge n. 115 del 2018, l’adozione di una misura cautelare finalizzata ad allargare il format del campionato di Serie B a 22 squadre e l’accoglimento della propria domanda di ‘ripescaggio’ in quel campionato; che “oltre all’assenza di ogni ritualità prevista dal codice del processo amministrativo nella proposizione delle predette domande, la società ricorrente non risulta altresì che abbia ancora impugnato, la decisione assunta dal Tribunale federale nazionale del 28 settembre scorso con riferimento al format del campionato di Serie B”;che “con riferimento invece al profilo del danno grave ed irreparabile, vanno anche valutate le conseguenze che, alla luce dell’attuale situazione di fatto, un’eventuale decisione di accoglimento della domanda cautelare – laddove praticabile – potrebbe provocare con riferimento a tutti gli interessi in gioco nella vicenda di che trattasi”. Ad avviso dei giudici, “proprio comparando gli opposti interessi (ovvero quello della ricorrente a partecipare al campionato di Serie B e quello delle parti resistenti a non compromettere il regolare svolgimento, non solo del campionato di B, ma anche di quello di Lega Pro), sembra prevalere quello finalizzato a garantire il regolare svolgimento delle competizioni sportive, anche in ragione del fatto che i due campionati risultano ormai in corso di svolgimento da più giornate”.

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina