CronacaDalla CalabriaGiudiziaria

Bufera a Cariati, gruppo Greco nei guai: arrestati Filomena e Saverio

Sindaco di Cariati di nuovo nei guai. Ecco tutte le accuse

I Finanzieri del Comando Provinciale di Cosenza, coordinati dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, nel corso della mattinata hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Castrovillari, nei confronti di pubblici amministratori del Comune di Cariati e di imprenditori locali ritenuti responsabili dei reati di corruzione, abuso d’ufficio, turbata libertà degli incanti e abusivismo edilizio.

I nomi

Si tratta del sindaco di Cariati, Filomena Greco, del fratello Saverio Greco, noto imprenditore nel campo della Sanità privata calabrese, di Giuseppe Fanigliulo, di Cristoforo Arcovio e Sergio Salvati. Indagato a piede libero l’altro fratello del sindaco, Giancarlo Greco. Per i primi quattro inquisiti sono scattati gli arresti domiciliari, mentre Salvati è sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

L’inchiesta della procura di Castrovillari

Le indagini dei militari, collegate a pregresse attività di indagine relative l’appalto per il servizio di gestione dei rifiuti del Comune di Cariati, hanno consentito di rilevare l’indebito rilascio da parte del dirigente dell’area tecnica, di un permesso di costruire in sanatoria a favore di un gruppo imprenditoriale, quello IGreco, per la ristrutturazione e l’adeguamento di un immobile da adibire a clinica medica privata. Vicenda che nasce, secondo quanto si apprende, nel 2000 e si concretizza nel 2018.

Gli approfondimenti investigativi condotti dai militari delle Fiamme Gialle hanno permesso di rilevare che il dirigente, già nominato fiduciariamente dal sindaco a tempo determinato ed in scadenza di incarico, veniva prorogato nelle sue mansioni allo scopo di agevolare il procedimento amministrativo di rilascio del permesso di costruire.

La proroga della nomina, intervenuta a 5 giorni dalla definitiva decadenza del Sindaco a causa di una conclamata crisi politica, consentiva allo stesso di attivare in maniera discrezionale, senza impulso degli aventi diritto, il procedimento amministrativo autorizzatorio, rilevatosi illegittimo.

Bufera a Cariati, gruppo Greco nei guai: arrestati Filomena e Saverio
Bufera a Cariati, gruppo Greco nei guai: arrestati Filomena e Saverio

Al contempo, in assoluta incompatibilità con la funzione pubblica ricoperta, il Dirigente prorogato curava l’iter progettuale dell’opera redigendo gli elaborati tecnici presentati alla Pubblica Amministrazione al fine di ottenere i necessari nulla osta per la realizzazione della struttura sanitaria privata. Il dirigente, dunque, avrebbe omesso di effettuare i previsti controlli sulla segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) prodotta dalla società per i lavori di riqualificazione e ristrutturazione dell’immobile oggetto di permesso.

Le illecite condotte hanno consentito il rilascio alla società, nel medesimo giorno ed a poche ore dalla decadenza del primo cittadino di Cariati, delle autorizzazioni necessarie per l’edificazione e la gestione di una clinica privata.

Inoltre, i finanzieri hanno constatato ulteriori collusioni intercorrenti tra il Dirigente dell’Area Tecnica dell’Ente e il responsabile di fatto di una società, finalizzate alla turbativa dell’appalto dei rifiuti, concretizzatesi nell’adozione di un provvedimento illegittimo, successivamente annullato dal TAR, motivo per il quale era esclusa l’offerta della prima classificata, in quanto ritenuta anomala, con conseguente aggiudicazione definitiva dell’appalto all’impresa seconda classificata, già assegnataria di affidamenti diretti illegali.

All’esito dell’attività investigativa della Guardia di Finanza, diretta dal pm Luca Primicerio e coordinata dal Procuratore della Repubblica di Castrovillari, Eugenio Facciolla, il Giudice per le Indagini Preliminari, Carmen Ciarcia, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di pubblici amministratori del Comune di Cariati nonché di due imprenditori locali. Disposto, altresì, il sequestro preventivo dell’immobile abusivo, privo di valide autorizzazioni.

Tags
Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina