CronacaIn evidenza home

Coronavirus, a Castrovillari blindata ala dell’ospedale. «Faremo 190 tamponi»

Il sindaco di Castrovillari, Mimmo Lo Polito, annuncia la positività al Coronavirus del secondo tampone effettuato sul paziente già trasferito a Cosenza. «Nell'ala dell'ospedale no a ricoveri e dimissioni».

Il sindaco di Castrovillari, Domenico Lo Polito, ha annunciato in mattinata la positività al Coronavirus del secondo tampone del paziente trasferito a Cosenza due giorni fa. Nonostante ciò spiega che dal nosocomio del Pollino non arriverà alcuna comunicazione in quanto ricoverato altrove. «Ovviamente non abbiamo atteso l’esito del secondo tampone – spiega -. Abbiamo avviato le operazioni necessarie a mettere in quarantena chi potrebbe avere frequentato luoghi comuni oltre che i soccorritori». 

Coronavirus, isolata un’ala dell’ospedale di Castrovillari

Le comunicazioni in tempo di Coronavirus del sindaco di Castrovillari non terminano qui. Subito dopo riguardano direttamente l’ospedale della città. «Sono stati bloccati i ricoveri e le dimissioni del reparto ove il nostro concittadino è stato ricoverato – spiega Lo Polito -. Stiamo facendo la nostra parte. La direzione sanitaria ha individuato tutte le persone che, direttamente o indirettamente, potrebbero avere avuto contatti» con lui. Per tali motivi saranno effettuati quasi 200 tamponi, 180-190 per l’esattezza. Saranno sottoposti ai controlli sopracitati anche «persone esterne all’ospedale e personale sanitario, vale a dire addetti alle pulizie».

Primi tamponi già effettuati

«Le operazioni sono iniziate ieri con i soccorritori – spiega Lo Polito -. Continueranno oggi e si andrà avanti con altri 42 tamponi da effettuare su chi in ospedale ha avuto dei contatti sospetti. Proseguiranno anche nei prossimi giorni e per avere i primi risultati serviranno almeno 48 ore». Il sindaco di Castrovillari si rivolge infine alla popolazione che teme il divulgarsi del Coronavirus. «Questa situazione sarà la cartina di tornasole per capire se abbiamo effettivamente rispettato tutte le prescrizioni – spiega -. Prescrizioni su distanziamento sociale, uso di mascherine, guanti e disinfettanti. Perché quello che ho sempre cercato di spiegare, in ogni mia comunicazione, è l’importanza dei nostri comportamenti più che quelli degli altri. Restare a casa e proteggersi quando si è costretti ad uscire è fondamentale. Dico questo perché negli ultimi giorni qualcuno sembra non aver capito. Serve a neutralizzare proprio i rischi di entrare a contatto con qualche asintomatico». 

Lo Polito sulla fase-2

«Nella fase-2, per come spiegato dal Presidente del consiglio dei ministri, servirà molta cautela e si capisce bene perché. Solo ieri sono stati registrati circa 400 morti ed oltre 2000 nuovi contagi con percentuali – taglia corto LoPolito -. Dal 4 maggio sono autorizzati i rientri dei residenti, che potrebbero rappresentare un nuovo rischio per la presenza di possibili asintomatici. Per questo ancora una volta dico che dipende tutto da noi e dai nostri comportamenti». «Ci aspetta una nuova prova – dice il sindaco di Castrovillari sul Coronavirus -. Spetta a noi renderla facile oppure difficile».

Mostra altro

Antonio Clausi

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti dal 2010 ha lavorato fin dal 2007 presso le redazioni de “La Provincia Cosentina”, di “Calabria Ora”, di “Cronache del Garantista” di cui coordinava i servizi per la Calabria, e del “Quotidiano del Sud”. Dal 2008, inoltre, collabora attivamente con CosenzaChannel.it. Spesso ospite di talk-show televisivi e radiofonici, ha come hobby i 33 giri e la musica.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina